Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:13
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

PornHub lancia VPNhub, la rete privata gratuita per il porno sicuro (non solo per adulti)

Immagine di copertina
VPNhub, la nuova rete di PornHub sicura.

La nuova modalità di navigazione sicura con la connessione dati protetta e criptata della piattaforma pornografica

PornHub, il noto sito di pornografia, ha lanciato la propria Virtual Private Network, chiamata VPNhub, che consente la navigazione gratuita e illimitata garantendo una connessione dati protetta e criptata.

Questa nuova versione della piattaforma pornografica, destinata non soltanto a contenuti per adulti, consente di proteggere le proprie informazioni personali durante la navigazione sul sito.

I vantaggi dell’utilizzo di una VPN per navigare su Internet sono numerosi, uno fra tutti la garanzia dell’anonimato in rete.

Sono sempre di più le aziende che offrono la connessione Wi-Fi gratuita e le probabilità che i dispositivi diventino bersaglio di hacker sono aumentate notevolmente.

“Oggi Internet è pieno di hacker, che stanno crescendo in numero e complessità, compromettendo i dati sensibili delle persone. Mentre navigare in incognito può tenere segreta la cronologia di navigazione degli utenti, la verità è che sono ancora suscettibili di sguardi indiscreti, specialmente durante la navigazione reti Wi-Fi pubbliche non protette “, ha detto il vice presidente di PornHub Corey Price in una dichiarazione.

“Qui a Pornhub, con 90 milioni di visitatori al giorno, la stragrande maggioranza dei quali utilizza dispositivi in ​​movimento, è particolarmente importante che continuiamo a garantire la privacy dei nostri utenti e mantenere la loro riservatezza”, ha aggiunto.

“Con il lancio di VPNhub, gli utenti avere accesso alla VPN più veloce del mondo, con oltre 1000 server in oltre 15 paesi tra cui scegliere. Ora, se stanno navigando su Internet mentre viaggiano o da una rete non affidabile, che tu stia navigando in ufficio, in una camera d’albergo o in una caffetteria, VPNhub ti consente la copertura con quella connessione sicura che desideri”, ha dichiarato il vice presidente di PornHub concludendo.

Esiste anche una versione premium di VPNhub, che offre accesso a connessioni più veloci da una vasta gamma di paesi e server, oltre al fatto che con la modalità a pagamento non si visualizzerà più alcun annuncio pubblicitario.

VPNhub di Pornhub è disponibile per Google Android , Apple iOS , Windows e MacOS.

Il blog Engadget ha spiegato che VPNHub è disponibile a livello mondiale da oggi, tranne nei Paesi dove recentemente, su decisione dell’amministrazione di Donald Trump, le aziende statunitensi non possono operare.

Tra queste Birmania, Cuba, Iran, Corea del Nord, Sudan e Siria.

Qui 2 video che pubblicizzano la nuova piattaforma sicura di PornHub

Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Salute / Cosa sappiamo per certo (e cosa ancora non sappiamo) sul vaccino AstraZeneca
Salute / I danni collaterali del Covid: così il lockdown danneggia l’udito (anche dei giovanissimi)
Salute / Il vaccino Pfizer/BioNTech? È “nato a colazione”. In un mese era pronto
Costume / “Come Meghan Markle ha cambiato il modo in cui parliamo di suicidio”
Milano / Riforma della Sanità lombarda: così i “saggi” di Fontana si spaccano sul rapporto con i privati
Salute / Covid e disturbi dell’udito: è tempo di ascoltare chi non può sentire