Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Coronavirus, i giovani colpiti da ipossia silenziosa: non manifesta sintomi evidenti, ma è molto pericolosa

Immagine di copertina

Coronavirus, i giovani colpiti da ipossia silenziosa: non manifesta sintomi evidenti, ma è molto pericolosa

I giovani non sono immuni al Covid-19. Anzi, secondo gli esperti è proprio tra i giovani che si manifesta un’anomalia riconducibile sempre al Coronavirus ed è l’ipossia silenziosa, una condizione molto pericolosa che in genere non presenta sintomi evidenti. Quali sono i segni che indicano un’ipossia silenziosa? In genere si presenta con lesioni polmonari gravissime, scarso ossigeno nel sangue e uno o più organi compromessi. Eppure, l’ipossia silenziosa non presenta alcun sintomo evidente della mancanza d’aria. È per questo che molti giovani arrivano tardi in ospedale, proprio perché inconsapevoli della malattia. A riportare questo quadro allarmante alla Ccn è il dottor Richard Levitan, del Littleton Regional Healthcare del New Hampshire (Stati Uniti).

Ipossia silenziosa, quali sono i sintomi

Secondo l’esperto, quando la sindrome da Covid si aggrava, il paziente presenta polmonite e gravi difficoltà respiratorie e appare in uno stato comatoso. Per alcuni pazienti, però, l’ipossia arriva silente, soggetti perlopiù giovani che manifestano difficoltà respiratorie soltanto quando i polmoni sono già molto compromessi e quando l’ossigeno nel sangue è già molto basso, con la conseguente compromissione di altri organi. Come spiega Levitan, i pazienti che arrivano in ospedale sono vigili, in grado di sostenere conversazioni in modo lucido, utilizzano lo smartphone senza difficoltà, lamentano soltanto dolore quando respirano profondamente.

Secondo l’esperto, la maggior parte dei giovani affetti da ipossia silenziosa arrivano a chiedere aiuto quando la malattia è già in stato avanzato. Per questo motivo, secondo Levitan, i pazienti in quarantena a casa propria dovrebbero essere muniti di pulsossimetri e istruiti sul corretto utilizzo dello strumento per rilevare carenze di ossigeno anche asintomatiche, per evitare di arrivare in ospedale troppo tardi.

Leggi anche:

1. “Col caldo il Coronavirus diventa innocuo”. Il report degli scienziati russi / 2. Coronavirus, individuate tracce di Rna nello sperma di alcuni pazienti: lo studio

Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Salute / Visita ortopedica a Roma, come prendersi cura del sistema muscolo-scheletrico
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Ti potrebbe interessare
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Salute / Visita ortopedica a Roma, come prendersi cura del sistema muscolo-scheletrico
Ambiente / Palma da olio: okay con una filiera sostenibile
Salute / Papa Francesco accoglie in udienza il Premio Fair Play Menarini
Salute / Il Viagra potrebbe prevenire l’Alzheimer: lo studio
Salute / L’allarme di Alessandro Maggi, presidente di Assortopedia: ““Questi livelli di assistenza non tutelano le categorie più fragili”
Salute / Oltre l’ottobre rosa: le testimonianze di donne a cui il cancro al seno ha stravolto la vita
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale