Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Batterio carnivoro, è allarme per l’infezione che consuma il cervello e poi uccide

Immagine di copertina
Batterio carnivoro

Si registrano circa 80.000 casi di infezione e 100 decessi l’anno negli Stati Uniti

Batterio carnivoro, è allarme per ameba mangia cervello: come difendersi

È allarme per il batterio carnivoro, chiamato anche batterio mangia carne, che sta seminando il panico in tutto il mondo e mietendo anche vittime. Solo negli Stati Uniti si registrano circa 80.000 casi di infezione e 100 decessi l’anno.

Tra le ultime persone a perdere la vita, Dave Bennett, originario del Tennessee, deceduto a causa del Vibrio vulnificus che lo ha infettato mentre si trovava in vacanza nella contea di Okaloosa, in Florida.

Oppure Eddie Gray, 59 anni, in vacanza nel parco acquatico del Fantasy Lake Water Park, nella Carolina del Nord: un’ameba mangia cervello le è entrata nelle narici arrivando fino all’encefalo in poco tempo.

E ancora Lynn Fleming, vittima di un’infezione provocata da un batterio carnivoro che l’ha attaccata mentre passeggiava in riva al mare.

Uccisa da un batterio carnivoro mentre passeggia in spiaggia

Finora in Italia non ci sono stati mai casi anche se in Europa ce ne sono stati un paio, in Repubblica Ceca e Portogallo. Specchi d’acque e spiagge spesso possono rivelarsi molto pericolosi.

Il Naegleria fowleri, per esempio, può provocare infezioni mortali: il suo habitat preferito sono le acque caratterizzate dalle alte temperature. Si tratta di un parassita che arriva al cervello causando l’infezione meningoencefalite amebica primaria.

Ecco le 89 spiagge italiane dove è meglio non fare il bagno: molto alto il rischio di infezioni

“Bisogna stare attenti e prendere le dovute precauzioni quando si va in spiaggia”, ha spiegato il professor Giorgio Palù, ordinario di Microbiologia e Virologia dell’Università di Padova e presidente della Società europea ed italiana di virologia, a “Libero“.

“Salmonelle, virus rilasciati dai roditori, parassiti che si trovano nelle coccinelle, si possono trovare in acqua. Complice della proliferazione di batteri, virus e ameba sono anche le alte temperature.

Con un’ estate così calda, il rischio è più alto. In più gli spostamenti, le deforestazioni, i viaggi aerei, hanno portato anche nel nostro paese malattie e infezioni che un tempo non c’ erano”.

Ti potrebbe interessare
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Ti potrebbe interessare
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane