Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Roma, la vedova Petroselli: “Raggi? Mi pento di averla votata, non è stata all’altezza”

Immagine di copertina
Il sindaco Luigi Petroselli con la moglie Aurelia Sergi

Aveva annunciato il suo voto per Virginia Raggi a giugno del 2016, in occasione delle elezioni amministrative a Roma, facendo molto scalpore. Ma ora Aurelia Sergi, vedova di Luigi Petroselli, che è stato sindaco comunista di Roma, si dice “pentita” della sua scelta. “Sono pentita di quel voto”, confessa la donna, che a marzo compirà 90 anni, al cronista di Repubblica che le chiede se rivoterebbe per la sindaca grillina, dopo che Raggi ha annunciato la sua ricandidatura negli scorsi giorni.

“Non mi è piaciuta. Roma è difficilissima, ma proprio per questo servono figure all’altezza della grandezza della città. Lei non lo è stata”, commenta Sergi. “Non ha avuto presenza, ma nemmeno risolto i problemi. Non ha avuto quella passione che un sindaco deve avere. Mio marito amava la Capitale, pur essendo viterbese. La gente lo percepiva, e infatti mi fermano per strada ancora adesso, dopo tante stagioni”.

La posizione di Aurelia Sergi, che voltò le spalle alla sinistra per votare il Movimento Cinque Stelle in segno di protesta, fu condivisa quattro anni fa da molti elettori di centrosinistra. “Era giovane, sembrava fresca ed energica, capace di dare una scossa, ma mi sono sbagliata, E come me tanti romani”, dice ora Aurelia Sergi. “Lei, dopo l’intervista a  Repubblica, mi scrisse una lettera per dirmi che si sarebbe ispirata a mio marito, ma non è andata così. Anche dell’archivio di Petroselli non si è occupata. Io avevo donato tanti anni fa tutte le sue carte al Comune, la Soprintendenza dovrebbe catalogarle, invece sono rimaste ad ammuffire negli scatoloni. Un’altra delusione”.

Luigi Petroselli, ricordato come il primo cittadino che risanò le borgate romane, è morto il 7 ottobre 1981. Alla sua umiltà aveva detto di volersi ispirare Virginia Raggi nel suo discorso inaugurale in Campidoglio. In un’altra intervista di settembre 2016, stavolta al Corriere della Sera, Aurelia Sergi aveva dichiarato di avere ancora fiducia in Virginia Raggi, suggerendole di pensare di più alle borgate.

“Adesso tornerò a votare per il centrosinistra. Ma va trovato un candidato valido, di alto livello, che ami la città e sappia coglierne lo spirito, pensando al suo sviluppo, ma anche alle sue debolezze, alle fasce più deboli. Serve uno sforzo”, aggiunge la vedova Petroselli. “Roma non merita quel che abbiamo visto negli ultimi dieci anni. Roma merita di più. In questi mesi di pandemia ho ammirato Conte, è stato un premier all’altezza, che ha saputo dare fiducia all’Italia. Questo è richiesto ai leader”.

Leggi anche: 1. Tutti a litigare su Virginia Raggi, ma nessun partito ha delle proposte serie per risollevare Roma (di G. Cavalli) /2. M5S, stop alla regola dei due mandati e alleanze per le comunali: domani il voto su Rousseau

Ti potrebbe interessare
Politica / Il Cnr assumerà tutti i 400 ricercatori precari che rischiavano il posto: “Risultato di una battaglia comune”
Politica / “Un giovane sano che si vaccina è un servo e va escluso dalla vita sessuale”: il post del consigliere leghista
Politica / Rincari bollette, Giorgetti: “Rischio black out energetico”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il Cnr assumerà tutti i 400 ricercatori precari che rischiavano il posto: “Risultato di una battaglia comune”
Politica / “Un giovane sano che si vaccina è un servo e va escluso dalla vita sessuale”: il post del consigliere leghista
Politica / Rincari bollette, Giorgetti: “Rischio black out energetico”
Politica / Svolta storica per il M5S, vince il sì al 2×1000. Conte: “È il principio della democrazia diretta”
Politica / “Vietato dire Natale”: l’Ue fa retromarcia sul linguaggio inclusivo
Cronaca / Bollette, Draghi annuncia nuovi interventi contro i rincari: “Aiuti a famiglie più povere”
Cronaca / Luca Morisi, la procura chiede l’archiviazione dopo l’indagine sulla serata con droga ed escort
Politica / Castellina: “Quirinale? Spero in un bis di Mattarella. Tra le donne la mia scelta è Rosy Bindi”
Politica / Monti: "Meno democrazia nella comunicazione, in guerra si accettano limitazioni alla libertà"
Politica / Dalla Maggioni alla von Furstenberg: la Roma che conta alla corte di Lady Di Maio