Me

Ultimi sondaggi: il Pd a un passo dai 5 Stelle

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 28 Mar. 2019 alle 09:36 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:17
Immagine di copertina

Ultimi sondaggi oggi – Secondo gli ultimi sondaggi pubblicati dall’Istituto Emg Acqua, se si andasse alle urne il 28 marzo 2019 la Lega sarebbe in testa con il 31,8 per cento delle preferenze, segnando quindi un +0,9 per cento rispetto a quanto rilevato una settimana fa. [qui tutti gli ultimi sondaggi].

> SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI –

> QUI TUTTI GLI ULTIMI SONDAGGI POLITICI ELETTORALI AGGIORNATI

Meno entusiasmante il risultato raggiunto dal Movimento 5 Stelle, che arriva al 22,9 per cento perdendo un -0,5 per cento rispetto a sette giorni prima e continuando a restare indietro rispetto all’alleato di Governo.

I risultati del sondaggio sono stati presentati nel corso della puntata di Agorà, programma in onda su Rai3.

I partiti di Governo insieme restano primi rispetto agli altri schieramenti, potendo contare sul  54,7 per cento delle preferenze, registrando una crescita dello 0,4 per cento rispetto alla scorsa settimana.

Secondo il sondaggio di Emg Acqua, il centrodestra perde lo 0,4 per cento delle preferenze in pochi giorni, anche se il risultato peggiore tra i partiti dello schieramento è Forza Italia, che si ferma al 9,5 per cento perdendo lo 0,5 per cento.

Fratelli d’Italia segnala invece un 4,9, ottenendo un +0,1 per cento, mentre Noi con l’Italia è allo 0,6 per cento.

Per quanto riguarda il centrosinistra, il sondaggio di Emg dà il Partito democratico al 21,1 per cento, mentre resta stabile il risultato di Più Europa – CD con Bonino che si attesta ancora intorno al 3 per cento.

Mdp, Si, Verdi raggiungono il 3,3 per cento, perdendo così uno 0,2 per cento. Potere al popolo è dato invece all’1,6 per cento.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

I dati in sintesi

  • Lega: 31,8 per cento
  • M5s: 22,9 per cento
  • Pd: 21,1 per cento
  • Fratelli d’Italia: 4,9 per cento
  • Mdp, Si, Verdi:  3,3 per cento
  • PiùEuropa: 3 per cento
  • Potere al popolo 1,6 per cento