Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Travaglio senza freni: “Vespa? Reperto archeologico. Salvini? Cazzaro verde”

Immagine di copertina
Marco Travaglio e Matteo Salvini

Travaglio Salvini | Editoriale Fatto Quotidiani | Palinsesti Rai | Vespa

Travaglio Salvini – Un Marco Travaglio scatenato quello dell’editoriale di oggi, giovedì 11 luglio.

Il direttore del Fatto Quotidiano ha commentato i nuovi palinsesti Rai della stagione 2019/2020. Secondo alcuni, palinsesti dai quali emergerebbe la svolta sovranista della tv di stato, per effetto del controllo esercitato dalla Lega e dal Movimento Cinque Stelle.

Una tesi non condivisa da Travaglio: “Siamo andati a spulciare nei nuovi palinsesti presentati l’altroieri, a caccia di qualche figlio di Putin, qualche nipote di Orbán (dopo quelle di Mubarak), qualche cugino di Trump. […] A parte i re degli ascolti, che la Rai fa bene a tenersi stretti (Arbore, Carrà, Fiorello, Fazio, Angela padre e figlio, Littizzetto, Sciarelli, Venier, Carlucci, Daniele, Incontrada, Ventura, Insinna, Conti, Magalli), abbiamo rinvenuto alcuni reperti archeologici di un certo pregio: Vespa, Augias, Costanzo e Minoli”.

“Che si siano convertiti al sovranismo in tarda età? – si chiede il direttore del Fatto – Improbabile. Sarà allora madama Isoardi? Difficile. La ex first fidanza, dunque ideologa del sovranismo gastronomico (alla Prova del cuoco solo gulash orbaniano e caviale del Volga), ha appena svelato di essere stata lei a mollare il Cazzaro Verde, dunque niente”.

Travaglio elenca poi tutti i volti della Rai che non possono certo essere definiti sovranisti: da Carlo Cracco a Serena Dandini, passando per Balivo, Fialdini, Matano, Timperi e molti altri.

La Rai non è sovranista

Travaglio Salvini – “Gli unici ‘sovranisti’ rinvenuti in oltre 600 ore settimanali di palinsesto delle reti Rai sono tre – scrive il direttore del Fatto – Roberto Poletti, ruspante volto delle tv private lombarde e biografo di Salvini. Lorella Cuccarini, che debuttò in Rai con Baudo nel 1985 (governo Craxi), ma ultimamente ha rilasciato dichiarazioni patriottarde. E – pensate un po’ – Monica Setta, prezzemolina delle ospitate a gettone, che in tv e in radio bivacca da vent’anni (Rai, anche Yoyò e Gulp, Mediaset, La7, Agon Channel, Telenorba, Radio24, RadioAdige, Radionorba), ma è in odor di amicizia con la Isoardi”.

Troppo poco, insomma, per parlare di Rai sovranista.

Travaglio Salvini | Lega | Movimento Cinque Stelle

Sono altre, semmai, le magagne che collegano la Lega alla tv si stato: “La Lega è lì dalla notte dei tempi (entrò trionfalmente in Rai nel lontano 1994, a bordo di B., per non uscirne mai più) e ora, oltre ai suoi veterani, ha imbarcato tutto il peggio dei berluscones, dei finiani e anche di qualche sinistro in cerca di un nuovo padrino e padrone (lo scempio di RaiSport parla da sé, con la Domenica Sportiva tornata agli anni 90 con i sarcofagi di Jacopo Volpi e Paola Ferrari in De Benedetti). Salvini non deve nemmeno sforzarsi a reclutarli: li raccatta”.

“Ciò che lascia senza parole sono i 5Stelle, che in Viale Mazzini non hanno nessuno da salvare né da piazzare (e, purtroppo per loro, si vede). Dunque non avrebbero nulla da perdere e tutto da guadagnare nel battersi per una riforma che sottragga finalmente la Rai alle grinfie dei governi e dei partiti e la consegni a chi ci lavora e a chi la guarda. La riforma che tutti annunciano da sempre e nessuno realizza mai. Fosse anche l’ultima cosa che fanno, la gente perbene gliene sarebbe grata a vita”, conclude Travaglio.

Ti potrebbe interessare
Politica / Tra Salvini e Meloni ora è gelo: "Non si parlano più". I motivi dello scontro
Politica / Conte: "Il mio governo caduto per interessi economici e politici"
Politica / Molte rischiano il ritorno in arancione. I governatori: "Abolire l'indice Rt"
Ti potrebbe interessare
Politica / Tra Salvini e Meloni ora è gelo: "Non si parlano più". I motivi dello scontro
Politica / Conte: "Il mio governo caduto per interessi economici e politici"
Politica / Molte rischiano il ritorno in arancione. I governatori: "Abolire l'indice Rt"
Politica / Brevetti vaccini, Draghi apre a Biden: “Una deroga temporanea non è un danno per le aziende”
Politica / Roma, la libraia di Tor Bella Monaca che boicotta il libro di Giorgia Meloni: “So’ scelte, io so’ indipendente”
Politica / Draghi: “Il mercato del lavoro è ingiusto e danneggia donne e giovani”
Politica / Caso Zaki, Di Maio: "Più ne parliamo, più l'Egitto si irrigidisce"
Politica / Giorgia Meloni in lacrime: “Non sono omofoba. Da adolescente mi bullizzavano dandomi della cicciona”
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)
Musica / Mattarella scrive ai Jalisse: “Inviatemi il vostro nuovo disco”