Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:29
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Travaglio sulla lite tra Di Maio e Di Battista: “Hanno ragione e torto tutti e due, dipende dal punto di vista”

Immagine di copertina

Travaglio | Di Maio | Di Battista | Lite M5S | Editoriale sul Fatto Quotidiano

TRAVAGLIO LITE DI MAIO DI BATTISTA – Sulla lite in casa M5S non poteva mancare un commento del quotidiano più vicino alle posizioni dei pentastellati. Alle frecciate tra Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista è dedicato l’editoriale di oggi del direttore del Fatto Marco Travaglio, che comunque ha deciso di non schierarsi nettamente né con l’uno né con l’altro esponente del Movimento 5 Stelle. “Hanno ragione e torto tutti e due, dipende dal punto di vista”, ha scritto il giornalista in un articolo dalla prima pagina dal titolo ‘Dibba, Giggino e i fuorilegge’.

Travaglio e la lite M5S Di Maio-Di Battista: Hanno ragione entrambi

“Di Maio e Di Battista sono due persone perbene che credono in quello che fanno (giusto o sbagliato che sia), in un mondo politico infestato da ipocriti e malfattori”, spiega Travaglio aprendo un confronto tra il capo politico M5S e l’ex deputato.

“Di Maio – continua il direttore del Fatto – è il vicepresidente del Consiglio, il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, nonché il capo politico dei 5 Stelle, eletto nell’autunno 2017 dagli iscritti per cinque anni e appena riconfermato: e, a 32 anni, sta imparando rapidamente i quattro nuovi mestieri”.

E invece: “Di Battista è un privato cittadino, ex parlamentare per una legislatura, che ha deciso di prendersi una pausa per dedicarsi alla famiglia e alla passione dei reportage dal Terzo mondo, seguitando a fare politica dall’esterno, anche col libro Politicamente scorretto”.

> “Di Battista voleva un ministero”. Ma Di Maio ha detto no: “Se ti metto lì Salvini si infuria”

Travaglio prosegue con un lungo confronto tra i profili e gli incarichi dei due esponenti. “Di Maio – scrive – è uno dei due politici più potenti del momento. E deve confrontarsi ogni giorno con i doveri istituzionali, con gli equilibri del Movimento e con un alleato abile, debordante e scorretto, la Lega di Salvini, che in quest’anno di coabitazione forzata ha in parte cannibalizzato e in parte sputtanato i 5 Stelle. Eppure, al prezzo di molti errori, defatiganti mediazioni fin sull’orlo della rottura e compromessi al ribasso come il salva-Salvini dal processo Diciotti, è riuscito con gli altri ministri a portare a casa una serie di misure che appartengono al Dna stellato, ma sono del tutto estranei a quello leghista”.

Travaglio su Di Maio e Di Battista: si abituino alla dialettica interna

Le differenze riguardano soprattutto le responsabilità, secondo Travaglio. Di Maio – scrive il direttore – “per sua scelta” ha “sulle spalle un macigno di responsabilità e problemi che schiaccerebbe una mandria di bufali: specialmente dopo la disfatta alle Europee, con 6 milioni di voti persi su 11 in un anno”. Mentre Di Battista, “per sua scelta”, al contrario del capo politico “non ha responsabilità” e dall’esterno “tende a vedere il bicchiere mezzo vuoto, mentre chi l’ha riempito a metà lo vede mezzo pieno”. Dunque “la sua posizione è molto più comoda di chi sta al vertice del M5S e del governo”.

Alla fine, conclude il giornalista, “non c’è nulla di male se due leader parlano anche pubblicamente lingue diverse: la democrazia e il pluralismo sono conquiste, non peccati mortali”. “L’importante è – analizza Travaglio su Di Maio e Di Battista – che si abituino anche loro all’idea della dialettica interna. Ed evitino il vizio che attanaglia tutti i politici quando si barricano con i loro staff di yesmen e iniziano a vedere nemici e complotti dappertutto. L’unica via d’uscita è ascoltarsi, valutare ciascuno il punto di vista dell’altro e le conseguenze delle proprie parole. Chiarirsi a quattr’occhi le idee, senza per questo cambiarle o tornare a lavare i panni sporchi in famiglia, aumma aumma. Soprattutto se, fondamentalmente, si vuole la stessa cosa”.

Ti potrebbe interessare
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Ti potrebbe interessare
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)
Politica / La "trappola" di Berlusconi: convincere Meloni a entrare nel partito unico
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Politica / Salvini: “Ora liberiamo gli italiani dall’obbligo della mascherina”
Politica / Vaccini, De Luca ci ripensa: anche la Campania si adegua al "mix vaccinale"