Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

TPI anticipa tutte le nomine Rai: ecco i nomi in lizza

Immagine di copertina
Il Cavallo morente di Francesco Messina nella sede Rai di viale Mazzini, Roma. Credit: ANSA

Finalmente partirà il rinnovo del cda della Rai; dopo i rumors degli ultimi giorni, è stata ufficializzata la data per la presentazione delle candidature per il consiglio di amministrazione.

Dal 31 marzo scatterà l’iter per l’elezione dei quattro componenti che spettano alle Camere, poi toccherà al governo indicare altri due membri, che assumeranno la carica di presidente e amministratore delegato. Il settimo membro sarà eletto dai dipendenti sulla base del regolamento, che verrà approvato il 25 marzo dal cda.

Il nuovo cda dovrebbe entrare in vigore a partire da giugno: troppo tardi però per consentire ai nuovi vertici di fare i palinsesti per il prossimo autunno che quindi salvo sorprese dell’ultima ora saranno appannaggio della coppia Salini-Foa, compreso il rinnovo contrattuale di un big di viale Mazzini come Fabio Fazio.

Come già anticipato da TPI è molto probabile che per il Cda M5S, Lega, Pd e Fdi avranno un consigliere ciascuno. Poi c’è la “partita” di Presidente e Amministratore Delegato di cui già si è dato conto su queste colonne.

Segnatevi questi nomi: Maurizio Fattaccio e Anna Nicoletti. Il primo domani verrà nominato a capo di Rai Pubblicità al posto di Marano mentre la Nicoletti verrà nominata membro del Cda.

Sempre domani, a quanto siamo in grado di anticipare, l’ex direttore del Tg1 Montanari approderà alla guida di Radio Tre: lo storico direttore Sinibaldi andrà in pensione. Intanto, si segnalano in ascesa le quotazioni nei palazzi delle istituzioni di Francesco Giorgino di cui dalle parti di Palazzo Chigi apprezzano competenza e approccio british.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ciao Willy, giustizia è fatta: ora ti ritroveremo in ogni giovane che avrà i tuoi occhi pieni di desideri e speranze (di R. Pegna)
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Ciao Willy, giustizia è fatta: ora ti ritroveremo in ogni giovane che avrà i tuoi occhi pieni di desideri e speranze (di R. Pegna)
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Opinioni / Conte si liberi di Grillo e dia vita a una strada progressista (di M. Tarantino)
Opinioni / Medioevo americano: se a mettere in discussione i diritti delle donne sono gli uomini (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera a tutte le comunità albanesi in Italia e in Europa (di A. Likmeta)
Opinioni / “Io, bollata come filo-putiniana da un parlamentare del Pd. La mia colpa? Aver fatto solamente il mio lavoro” (di V. Petrini)
Opinioni / “Si vince restando in piedi mentre gli altri cadono”: Tommasi ha fatto suo il teorema di Steven Bradbury (di L. Telese)
Opinioni / In ricordo di Gianluca Gasbarri: il fotografo che sapeva cogliere l’attimo attraverso il suo obiettivo
Opinioni / Ma a vincere è ancora una volta l’astensione: così il partito del non voto azzoppa la democrazia (di M. Ainis)