Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Super Green Pass obbligatorio per i lavoratori, scontro nel governo: no di Lega e M5S

Immagine di copertina
Credit: Ansa

Super Green Pass obbligatorio per i lavoratori, scontro nel governo

Scontro nel governo per il Super Green Pass obbligatorio per tutti i lavoratori: Lega e M5S, infatti, hanno detto no all’ipotesi di estendere la certificazione verde rafforzata anche sul luogo di lavoro. La decisione, tuttavia, sembrerebbe essere stata solamente rinviata al prossimo consiglio dei ministri, che dovrebbe tenersi il prossimo 5 gennaio.

Secondo quanto ricostruito, l’estensione dell’obbligo di certificazione verde su tutti luoghi di lavoro era stata richiesta nella mattinata di venerdì 29 dicembre dai governatori, riunitisi nella Conferenza delle Regioni, prima della Cabina di regia del governo.

Proprio durante la Cabina di regia tra gli esperti del Cts e gli esponenti del governo è emersa la prima spaccatura all’interno della maggioranza con il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, che ha espresso tutti i suoi dubbi sull’obbligo del Super Green Pass per tutti i lavoratori.

Secondo il Carroccio l’estensione del Super Green Pass sul lavoro sarebbe un obbligo vaccinale di fatto, motivo per cui lo Stato dovrebbe assumersi la responsabilità di eventuali conseguenze dal vaccino anti-Covid.

Giorgetti, inoltre, avrebbe chiesto di stilare una lista dei lavoratori “fragili”, che quindi potrebbero essere esentati dall’obbligo. Anche il M5S si è detto contrario al Super Green Pass per i lavoratori, per motivi differenti da quelli della Lega.

“Qual è la ratio di distinguere tra lavoratori e disoccupati? Non siamo contrari al green pass rafforzato, ma dobbiamo fare le cose con raziocinio. Forse a questo punto conviene ragionare sull’obbligo vaccinale” avrebbe dichiarato il ministro e capo delegazione M5S.

Preso atto dello scontro tra “rigoristi”, rappresentati dai ministri Speranza e Brunetta e anche dal Pd, e la ritrovata alleanza giallo-verde, il premier Draghi ha rimandato qualsiasi decisione al prossimo Cdm, in programma nei primi giorni del 2022.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Politica / Scoppia la polemica nel Movimento 5 Stelle dopo le “due strade per il Quirinale” di Bettini
Politica / Quirinale, Bettini a TPI: “Conte prezioso per il Movimento 5 Stelle e per l’Italia”
Politica / Quirinale, no alle schede “segnate”: Roberto Fico complica i piani del centrodestra
Ti potrebbe interessare
Politica / Scoppia la polemica nel Movimento 5 Stelle dopo le “due strade per il Quirinale” di Bettini
Politica / Quirinale, Bettini a TPI: “Conte prezioso per il Movimento 5 Stelle e per l’Italia”
Politica / Quirinale, no alle schede “segnate”: Roberto Fico complica i piani del centrodestra
Politica / Gli intellettuali italiani contro Renzi: “Scelga tra il Senato e le attività promozionali all’estero”
Politica / Addio David (di Pierluigi Bersani)
Politica / Su giornali, radio e tv si parla del Presidente della Repubblica ogni 15 minuti: lo studio (e i nomi)
Politica / Le barricate di Salvini contro il Pd: no a Mattarella bis, no a Draghi al Colle e ad accordo su Capo dello Stato
Politica / Quirinale, Letta: “Propongo un patto di legislatura con un Presidente super partes”
Politica / Quirinale, Renzi: “Pronti a votare candidato centrodestra, ma non Berlusconi”. E profetizza 3 scenari
Politica / Anteprima TPI – Mediaset sfida la Rai: pronto un programma d’inchiesta anti-Report