Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Norma “spazzacorrotti”: candidati alle amministrative obbligati a pubblicare cv e certificato penale. Ma non in Sicilia

Immagine di copertina
Camera dei Deputati, Montecitorio, Roma, Credit: Instagram

Contattato da TPI, il vicecapo di gabinetto dell'Assemblea regionale siciliana non ha voluto rilasciare dichiarazioni

La Sicilia resta esclusa dalla norma “spazzacorrotti” che impone ai candidati alle elezioni amministrative di pubblicare online il proprio curriculum vitae e il certificato penale.  La norma è contenuta nella legge Anticorruzione, ma perché sia applicabile alla Sicilia, Regione ad autonomia speciale, è necessario che l’Assemblea regionale di Palermo la recepisca con apposito atto, che ancora deve essere adottato.

Alle elezioni del prossimo 28 aprile, dunque, i candidati non saranno soggetti a questo obbligo. Contattato telefonicamente da TPI, il vicecapo di gabinetto dell’Assemblea regionale siciliana non ha voluto rilasciare commenti.

Voluta dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, la norma “spazzacorrotti” serve a tutelare il principio di trasparenza della pubblica amministrazione.

Il ddl Anti-corruzione ora è legge: cosa prevede la “spazzacorrotti”

L’autonomia speciale che la Costituzione italiana garantisce alla Sicilia dal 1948 (tempo in cui gli indipendentisti minacciavano l’unione del Paese) prevede che la competenza sugli enti locali sia dell’amministrazione regionale.

Ad oggi 16 dei 70 deputati regionali dell’Ars risultano indagati per diversi crimini, oltre a 4 assessori regionali su 11.

Su Twitter, il segretario del Pd siciliano, Davide Faraone, parla di “’ennesima follia tutta siciliana”. “Le norme sulla trasparenza alle elezioni qui da noi non si applicheranno. Niente curriculum vitae e certificati penali per i candidati, bye-bye spazzacorrotti nel silenzio del centrodestra e dei Cinque stelle”, scrive. Faraone punta il dito contro gli esponenti del governo di Lega e M5S, colpevoli secondo lui di un silenzio che urla. “Perché non hanno fatto le barricate?”, chiede.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Politica / Grillo incontra l'ambasciatore cinese in Italia. Atteso anche Conte, l'ex premier dà forfait
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Politica / Grillo incontra l'ambasciatore cinese in Italia. Atteso anche Conte, l'ex premier dà forfait
Opinioni / Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché
Opinioni / Se Poste Italiane si impossessa del titolo di prima del più importante quotidiano finanziario italiano
Politica / Nichi Vendola: “Torno in politica, l’esilio è finito”
Politica / Salvare le aziende di Berlusconi: ecco cosa c’è dietro la federazione tra Forza Italia e Salvini
Politica / Cristallo a TPI: "Ci chiamano tossici perché vogliamo la Cannabis legale. Salvini sbandierava i Mojito al mare"
Opinioni / Il paradosso di Confindustria (e di parte del governo): “C’è la ripresa quindi si può licenziare”
Politica / “Troppi gay nella giuria di Ballando con le Stelle”: l’intervento al Senato sul Ddl Zan