Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:22
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Incontro Letta-Fratoianni-Bonelli: raggiunto l’accordo. Sinistra italiana chiede di includere il M5s, ma il Nazareno chiude a nuove alleanze

Immagine di copertina

Incontro Letta-Fratoianni-Bonelli: raggiunto l’accordo. Sinistra italiana chiede di includere il M5s, ma il Nazareno chiude a nuove alleanze

È stato finalmente raggiunto l’accordo tra il Partito democratico e l’allenaza Sinistra italiana/Europa Verde, dopo le tensioni seguite all’accordo tra Enrico Letta e Carlo Calenda, raggiunto a inizio settimana. I leader dei tre partiti, Enrico Letta, Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli, hanno tenuto un incontro presso la sede del Partito democratico dopo che i segretari delle due sigle di sinistra avevano annunciato la decisione di “costruire un’intesa elettorale con il Partito democratico”.

In precedenza, l’assemblea nazionale di Sinistra italiana aveva aperto a un’intesa con il Partito democratico, chiedendo però di estendere l’accordo anche al Movimento 5 stelle, escluso dalla coalizione di centrosinistra dopo la “non fiducia” al governo Draghi. La richiesta era stata respinta dal Nazareno, che tramite fonti citate dalle agenzie aveva ribadito “l’indisponibilità a riaprire la discussione sul perimetro delle alleanze già decise”, pur esprimendo “apprezzamento” per la decisione.

L’accordo segue giorni di attacchi incrociati tra Carlo Calenda e i leader della federazione Sinistra italiana/Europa verde, l’ala sinistra della coalizione che alle elezioni del 25 settembre dovrà affrontare un centrodestra largamente favorito secondo i sondaggi.

Oltre a chiedere di “verificare la possibilità di stringere un accordo con il Partito Democratico sui collegi uninominali” e “di lavorare perché tale accordo sia esteso anche al M5S” , l’assemblea di Sinistra italiana ha anche chiesto, con il 61% di voti favorevoli e il 5% di astensioni, di “confermare l’alleanza con Europa Verde-Verdi e di concludere con la massima celerità i passaggi necessari a trasformarla in una lista elettorale comune” ma di garantire anche “totale autonomia in termini di programma, lista e prospettiva politica“.

“Vediamo che risponde Letta”, era stato il commento di Carlo Calenda all’annuncio della decisione dell’assemblea di Sinistra italiana. In precedenza, il leader di Azione si era nuovamente detto contrario a nuovi accordi “con gente che ha sfiduciato Draghi”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”