Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Sono convintamente antisemita”: il sindaco nega la cittadinanza a Liliana Segre

Immagine di copertina

“Sono convintamente antisemita”. Il sindaco di Gualdo Cattaneo, Enrico Valentini, lo ha ripetuto più volte a garanzia della propria buona fede nel votare contro il conferimento della cittadinanza onoraria a Liliana Segre. Uno strafalcione reiterato nel corso della seduta in videoconferenza di venerdì 16 aprile, quando il consiglio comunale del borgo in provincia di Perugia discuteva la mozione presentata dal gruppo di opposizione di centrosinistra “Territorio Comune”.

Il sindaco è scivolato a ripetizione, nello spiegare come la senatrice a vita sopravvissuta all’Olocausto non avesse legami con Gualdo Cattaneo e quindi mancasse dei requisiti per ricevere l’onorificenza. Per negare il fatto che ci sia un pregiudizio politico, Valentini ha poi precisato che lo stesso sarebbe valso se al posto di Liliana Segre la stessa proposta fosse stata avanzata per Norma Cossetto, giovane istriana uccisa e gettata nelle foibe, perché anche lei “non è collegata al territorio”. Certo, un altro conto sarebbe stato se i consiglieri avessero votato “tutti quanti convintamente per Gualdo Cattaneo città antisemita”, ha detto il primo cittadino. A conclusione di un intervento accorato, pronunciato “come se fossi tra amici”.

Poco dopo un consigliere ha fatto notare al malcapitato sindaco il reale significato del termine antisemita. Valentini, visibilmente imbarazzato, si è quindi corretto: si trattava “dell’accezione contraria”, è stato un “lapsus contrario”, “mi scuso se è stato interpretato male, è esattamente l’opposto”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il PD chiude la campagna a Piazza del Popolo: "Noi per i diritti, dall'altra parte c'è un'Italia retrograda"
Politica / Le dichiarazioni di Berlusconi su Putin diventano un caso: "Sono stato frainteso"
Politica / Il responsabile Cultura di Fdi: "In Italia le coppie omosessuali non sono legali"
Ti potrebbe interessare
Politica / Il PD chiude la campagna a Piazza del Popolo: "Noi per i diritti, dall'altra parte c'è un'Italia retrograda"
Politica / Le dichiarazioni di Berlusconi su Putin diventano un caso: "Sono stato frainteso"
Politica / Il responsabile Cultura di Fdi: "In Italia le coppie omosessuali non sono legali"
Politica / Salvini contro von der Leyen: “Sue parole disgustose, i soldi dell’Europa sono degli italiani”
Politica / Meloni, la piazza che non ti aspetti: “Il fascismo? È passato! Aborto? Favorevoli. Votiamo Giorgia perché ama l’Italia”
Politica / L'ironia di Ryanair sulle elezioni politiche
Cronaca / Ue, l’avvertimento di Von der Leyen: “Se l’Italia andrà in una situazione difficile abbiamo gli strumenti”
Politica / La gaffe di Salvini sul candidato della Lega non vedente: "Sarà un occhio per gli italiani"
Politica / L'incubo di un pareggio al Senato: la crescita del M5S al Sud preoccupa Fdi
Politica / Berlusconi: "Putin voleva sostituire Zelensky con un governo di persone perbene"