Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Seggiolini anti abbandono subito obbligatori: cosa rischia chi non rispetterà la legge

Immagine di copertina

La norma entrerà in vigore a partire dal 7 novembre e non a marzo come inizialmente previsto

Seggiolini anti abbandono subito obbligatori: cosa rischia chi non rispetterà la legge

I seggiolini anti abbandono saranno subito obbligatori: la legge, infatti, che doveva entrare in vigore il prossimo marzo, sarà effettiva già a partire da domani, giovedì 7 novembre.

La legge, pubblicata il 23 ottobre sulla Gazzetta Ufficiale, sarebbe infatti dovuta entrare in vigore il 7 novembre solo per la parte riguardante le caratteristiche tecniche, a cui produttori e acquirenti avrebbero dovuto conformarsi, lasciando 120 giorni per mettersi in regola.

Tuttavia, il ministero dell’Interno nel pomeriggio di mercoledì 6 novembre, ha ufficializzato l’entrata in vigore della norma, senza distinzione alcuna, divulgando la Circolare escplicativa della Direzione Centrale delle Specialità per l’attuazione del Decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 2 ottobre 2019, n. 122, relativo al Regolamento di attuazione dell’articolo 172 del Nuovo Codice della Strada in materia di dispositivi anti abbandono di bambini di età inferiore a quattro anni.

Al via l’obbligo del dispositivo antiabbandono per il seggiolino in auto dei bambini

Un vero e proprio pasticcio, dunque, che coglie alla sprovvista moltissimi automobilisti, i quali, ora dovranno dotarsi di un apposito dispositivo o di un seggiolino che abbia l’allarme integrato.

Seggiolini anti abbandono: cosa prevede la nuova legge

Coloro che non saranno in regola, infatti, incorreranno nelle sanzioni previste dal nuovo articolo 172 del Codice della strada: una sanzione amministrativa, che va da 81 euro a 326 euro, la decurtazione di 5 punti dalla patente e la sospensione della patente, da 15 giorni a due mesi, se si dovesse commettere la stessa infrazione più di una volta nel giro di due anni.

Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella bacchetta Governo e Parlamento: “Troppi decreti legge anomali, ora basta”
Politica / Dimissioni ministri M5S? Grillo infuriato per le parole di Dadone: "Beppe sta con Draghi"
Politica / Salvini si è fatto la prima dose di vaccino anti-Covid
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella bacchetta Governo e Parlamento: “Troppi decreti legge anomali, ora basta”
Politica / Dimissioni ministri M5S? Grillo infuriato per le parole di Dadone: "Beppe sta con Draghi"
Politica / Salvini si è fatto la prima dose di vaccino anti-Covid
Politica / Dadone: "Valutare con Conte ipotesi dimissioni ministri M5S"
Politica / Sileri: “Difficile che a settembre le scuole ripartano in presenza”
Politica / Bersani: "Draghi? Se parlava 15 giorni fa era meglio"
Politica / Salvini risponde a Draghi: "Germania e Gran Bretagna invitano a morire?"
Politica / Draghi: "Salvini? Appello contro i vaccini è appello a morire"
Politica / Fieg: “Il Governo si avvalga dei giornali per spingere la campagna vaccinale”
Politica / Se Gualtieri diventa sindaco di Roma, Conte punta al suo seggio in parlamento