Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:50
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Scissione M5s, Di Battista: “Si chiama ignobile tradimento, non senso di responsabilità”

Immagine di copertina

Scissione M5s, Di Battista: “Si chiama ignobile tradimento, non senso di responsabilità”

“Non mi importa nulla”. Lo precisa subito Alessandro Di Battista commentando la clamorosa scissione guidata da Luigi Di Maio, che ieri ha precipitato il Movimento 5 stelle in una nuova crisi.

“Ho lasciato il Movimento esclusivamente per questioni politiche quando venne presa la decisione scellerata (e suicida) di entrare nel governo dell’assembramento. Ciò che avviene oggi è soprattutto frutto di quei giorni”, ha sottolineato l’ex deputato in un lungo post su Facebook, in cui non ha mai citato direttamente il ministro degli Esteri. “Si chiama ignobile tradimento. Non senso di responsabilità”.

“Un movimento nato per non governare con nessuno ha il diritto di evolversi e governare con qualcuno (mantenendo, ovviamente, la maggioranza nel consiglio dei ministri) per portare a casa risultati. Non ha alcun diritto di governare con tutti per portare a casa comode poltrone”, ha continuato  Di Battista, membro assieme allo stesso Di Maio del “direttorio” che dal 2014 al 2017 ha guidato il M5s. “Forse adesso, e soltanto adesso, alcuni attivisti del Movimento stanno comprendendo le ragioni delle mie scelte passate (e anche di quel che dicevo in passato). Ma, per l’appunto, è il passato”, ha aggiunto, passando poi a un elenco di quello che attualmente lo rende “preoccupatissimo”.

Prime fra tutte cita le tensioni intorno all’exclave russa di Kaliningrad, poi gli effetti delle sanzioni in Europa (“(Quando si guadagnano 14.000 euro al mese non ci si rende conto della tragedia dell’inflazione al 7%”), la “finanziarizzazione del crimine organizzato in Italia” e la carcerazione di Assange di cui “pochi hanno il coraggio di parlare”.

Di Battista dice la sua anche sull’”europeismo” e l’”atlantismo” evocati nel dibattito degli scorsi giorni anche da Di Maio. “Non sono affatto la stessa cosa”, ha rimarcato, dicendosi “preoccupatissimo per l’inesorabile scivolamento dell’Europa verso la più totale inutilità e sudditanza”. “Gli interessi americani non coincidono con quelli europei”.

Un altro tema chiave è quello dell’invio delle armi in Ucraina, definito “una vile profanazione dell’articolo 11 della nostra Carta costituzionale” oltre che “un drammatico errore strategico”.

“Sono altresì preoccupato per i tentativi di delegittimazione che vengono messi in atto verso tutti coloro che non osano pensarla come vuole il “sistema”. Le randellate mediatiche che subisce chi osa pensare con la propria testa (esercitando il dubbio e coltivando la memoria) hanno un obiettivo: silenziare più voci possibili”, ha concluso, impegnandosi a continuare a dire ciò che pensa. Fedele alla sua promessa, poco dopo Di Battista si è rivolto direttamente ai suoi ex colleghi nel M5s.

“Ma come diavolo fate a stare ancora lì dentro? Uscite da quell’ignobile accozzaglia”, ha scritto in un altro post pubblicato dopo la conferenza stampa con cui Di Maio ha ufficializzato lo strappo. “Già non contavate nulla prima figuriamoci adesso. Ma è così difficile da capire?”

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”
Politica / Oggi telefonata Draghi-Conte, lunedì il faccia a faccia a Palazzo Chigi
Politica / Deputata Fdi: "Ius scholae sostenuto dai partiti che regalano la droga per strada"
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Politica / Draghi: “Il governo non rischia e non esiste senza il M5S. Questa è l’ultima legislatura da premier”
Politica / Governo, Di Maio: “Quello visto in questi giorni è uno spettacolo indecoroso”
Politica / Adinolfi a TPI: “L’aborto è come il divorzio, quando non c’era l’Italia era più bella e sana”
Politica / Salvini attacca Pd e M5s: “Non possiamo accettare forzature su ius scholae e cannabis”
Politica / Tensioni nel governo, Draghi vede Mattarella
Politica / Ius Scholae e cannabis, la Camera approva il rinvio alla prossima settimana