Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Salvini ha violato le norme sul silenzio elettorale?

Immagine di copertina
Matteo Salvini. Credit: Alberto PIZZOLI / AFP

Nel giorno del voto per le regionali dell'Abruzzo il vicepremier su Twitter ha esortato a votare Lega. La legge vieta la propaganda a seggi aperti, ma sui social la questione è controversa

Domenica 10 febbraio 2019, nel giorno delle elezioni regionali in Abruzzo, il vicepremier Matteo Salvini ha pubblicato su Twitter due messaggi che secondo alcuni configurano una violazione delle norme sul cosiddetto “silenzio elettorale”.

Intorno alle 6 del mattino, poche ore dopo il contestato tweet sulla vittoria di Mahmood al Festival di Sanremo, Salvini ha scritto sul suo profilo: “Oggi in Abruzzo, dalle 7 alle 23, vota Lega! #oggivotolega”. Il leader della Lega ha poi ribadito il concetto poco dopo, intorno alle 7: “Io ce l’ho messa tutta! Oggi tocca a voi: dalle 7 alle 23, bastano 5 minuti del vostro tempo: una croce sul simbolo Lega e vinciamo! #primagliitaliani”, ha scritto.

I due post hanno scatenato le razioni di diversi utenti, che hanno accusato il vicepremier di violare le norme sul silenzio elettorale.

Tra gli altri, è intervenuto Nicola Zingaretti, governatore della Regione Lazio e candidato alla segreteria del Partito democratico: “Oggi si vota in Abruzzo e il ministro degli Interni Salvini viola la legge elettorale facendo propaganda. Pensano al partito distruggendo l’Italia. L’arroganza e l’incapacità al potere. Iniziamo a mandarli a casa”, ha scritto Zingaretti in un tweet.

Anche la senatrice Pd Monica Cirinnà ha rilevato la presunta illiceità dei tweet di Salvini: “Oggi 10febbraio , senza alcun rispetto x i cittadini e x il suo ruolo istituzionale di garante della regolarità del voto (tanto per cambiare!) Matteo Salvini viola il silenzio elettorale in Abruzzo””Ha paura? La migliore risposta verrà da elettrici ed elettori! #Abruzzovota”, ha commentato.

Ma Salvini ha effettivamente violato le norme sul “silenzio elettorale”?

Il tema è regolato dalla legge n.212 del 1956 sulla propaganda elettorale. All’articolo 9 si legge che “nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per le elezioni sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, in luoghi pubblici o aperti al pubblico, la nuova affissione di stampati, giornali murali o altri e manifesti di propaganda” e che “nei giorni destinati alla votazione è vietata ogni forma di propaganda elettorale entro il raggio di 200 metri dall’ingresso delle sezioni elettorali”.

L’articolo 9-bis aggiunge che “nel giorno precedente ed in quelli stabiliti per le elezioni è fatto divieto anche alle emittenti radiotelevisive private di diffondere propaganda elettorale”.

Dalla lettura di questi articoli emerge in sostanza che è vietato fare propaganda elettorale, nel giorno del voto, “in luoghi pubblici o aperti al pubblico” e attraverso “stampati, giornali murali o altri e manifesti di propaganda”.

Non c’è dunque un espresso divieto a fare propaganda sui social network. Tuttavia alcuni interpretano la norma in senso estensivo e la ritengono applicabile anche a piattaforme quali Facebook, Twitter o Instagram.

La mancanza di precedenti e di sentenze a tal riguardo rendono difficile dare una risposta certa.

Ti potrebbe interessare
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”
Ti potrebbe interessare
Politica / La parità salariale è legge: il Senato approva all’unanimità
Politica / Giorgetti punta a fare il premier dopo Draghi: il viaggio negli Usa è stato il suo primo esame da leader
Politica / Ddl Zan: “Superare il voto di domani, altrimenti la legge è morta”
Politica / Ciaccheri: il Municipio VIII incontra delegazione Zapatista
Politica / I sospetti di Palazzo Chigi su Letta: “Vuole logorare Draghi per impedirgli di andare al Quirinale”
Politica / Deputato M5S chiede a Draghi di salvare l’orario di “Un posto al sole”
Politica / Paghi uno e prendi tre? Il governo compra tre elicotteri, ma sbaglia i conti
Politica / Il corvo Italia Viva sta già mangiando sul cadavere del Ddl Zan
Politica / L’ennesimo regalo ai signori del casello: così il governo con la scusa del Covid favorisce Benetton & Co.
Politica / Caso Open, Renzi chiede l’immunità parlamentare: deciderà giunta del Senato