Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Salvini dice che il reddito di cittadinanza genera disoccupazione, ma il problema sono certe offerte di lavoro

Immagine di copertina
Matteo Salvini. Credit: Tiziana FABI / AFP

Un ministro e vicepremier serio dovrebbe verificare quali condizioni propongono certi datori

Il reddito di cittadinanza va cambiato perché genera disoccupazione volontaria, parola di Matteo Salvini. Che il vicepremier e ministro dell’Interno non abbia mai nutrito grande simpatia per la misura non è poi una gran novità, ma finora aveva nascosto abbastanza bene la sua avversione semplicemente evitando di discutere in maniera approfondita del tema. Fallito il tentativo di mettere alle strette i 5 Stelle per convincerli ad andare al voto il più presto possibile sfiduciando il premier Conte, ora Salvini sta disperatamente cercando di proseguire con la sua incessante e ininterrotta campagna elettorale attaccando il provvedimento simbolo degli ex alleati di governo.

“Sarà doveroso verificare il reddito di cittadinanza. Ci arrivano centinaia di segnalazioni, molte delle quali a me personalmente, da parte di imprenditori che quest’anno non riescono ad assumere i lavoratori che avevano l’anno scorso”, ha dichiarato il ministro dell’Interno al Corriere della Sera. “Fanno fatica i ristoranti, fanno fatica in agricoltura, fanno fatica in moltissimi… Per carità, noi il reddito di cittadinanza lo abbiamo votato e speriamo che crei lavoro. Ma se lo toglie, bisognerà studiarlo”.

Insomma, secondo Salvini gli imprenditori che lamentano difficoltà nel reperire braccianti, camerieri, cuochi e chi più ne ha più ne metta avrebbero ragione e queste litanie andrebbero prese in considerazione. Degli attacchi degli imprenditori al reddito di cittadinanza le cronache sono piene tutti i giorni, ma che a porre forti dubbi sulla misura sia il vicepremier dell’esecutivo che ha portato all’approvazione il provvedimento è a dir poco stravagante. Esattamente come il sindaco di Gabicce Mare, Matteo Renzi e Maria Elena Boschi, anche il capo del Viminale crede alle lamentele degli imprenditori che non riescono a trovare lavoratori da impiegare in stagione, nei propri locali turistici o campi. Peccato che, come TPI aveva già spiegato e chiarito a suo tempo, la cose stiano in maniera decisamente differente.

Il reddito di cittadinanza sta spingendo molti lavoratori a non accettare determinati lavori? Indubbiamente sì, ma l’effetto di questo atteggiamento che Salvini e gli imprenditori scambiano per lazzaronismo non è dovuto alla mancanza di voglia di lavorare ma attiene più che altro a un grosso problema che la politica sembra ignorare. Soprattutto nel Sud Italia, prolifera il lavoro nero a condizione disumane. Nessun tipo di contratto, stipendi per impieghi full time di ogni tipo che ballano tra i 300 e i 500 euro mensili, riposi settimanali spesso inesistenti soprattutto in stagione, orari folli da 10-12 al giorno pagate 2 o 3 euro all’ora, questo è ciò che viene proposto nella maggioranza dei casi, condizioni che portano molti giovani e meno giovani a scappare dalle proprie terre natìe per andare all’estero, alla ricerca di opportunità professionali e di vita migliori. E come biasimarli?

Di storie e testimonianze TPI ne ha raccolte molte negli ultimi mesi, ma nonostante l’argomento venga ciclicamente approfondito da molti opinionisti e giornalisti con tanto di inchieste puntuali e accurate, continua a persistere l’idea che a causare questa sorta di sommossa contro gli imprenditori sia il reddito di cittadinanza che permette ai lavoratori di stare in panciolle rifiutando degne proposte di impiego. Peccato non sia così e un ministro e vicepremier serio dovrebbe verificare quali condizioni di lavoro propongono questi ristoratori e agricoltori lamentosi, non fermarsi a rilanciare le solite mezze verità che fanno gioco alla sua narrazione propagandistica.

Salvini prende in giro gli italiani: tutte le bugie per andare al voto (di C. Matteini)
Reddito di cittadinanza: le news del 14 agosto
Ti potrebbe interessare
Economia / La carità è circolare: “Si dona e si riceve”
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Economia / Da Autostrade a Tim: i fondi si stanno prendendo le infrastrutture italiane
Ti potrebbe interessare
Economia / La carità è circolare: “Si dona e si riceve”
Economia / Sicurezza sul lavoro, dai maggiori controlli alle sanzioni: le novità in arrivo
Economia / Da Autostrade a Tim: i fondi si stanno prendendo le infrastrutture italiane
Cronaca / L’Antitrust italiana multa Amazon e Apple per oltre 200 milioni di euro: “Violate norme sulla concorrenza”
Lavoro / Preparati al mondo del lavoro, partecipa a Destination Work City di Gi Group
Economia / Con la pandemia le aziende litigano di più (anche da remoto)
Economia / Italiani sempre più poveri: inflazione al 3%, mai così alta dal 2012
Cronaca / Guarito da un tumore viene messo in aspettativa non retribuita: “Così Amazon si sbarazza dei lavoratori fragili”
Economia / Criptovalute: il 2022 sarà davvero un anno di svolta?
Economia / Digital marketing: aumentare vendite e fatturato grazie all’online