Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:35
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Salvini: “I preti facciano messa e non politica, gli insegnanti facciano lezione”

Immagine di copertina
Il leader della Lega Matteo Salvini

Il leader della Lega in Umbria all'attacco di sacerdoti, docenti e magistrati

Salvini: preti facciano messa e non politica

Matteo Salvini ci ha abituato alle parole forti nei suoi interventi pubblici, e non ha evitato di pronunciarle nemmeno nel corso della campagna elettorale per le Regionali in Umbria di domenica prossima, 27 ottobre. “Sogno un Paese dove i preti fanno Messa e non politica, dove gli insegnanti fanno lezione e non politica, dove i magistrati fanno le sentenze e non politica”, ha affermato ieri il leader della Lega, nel corso di una iniziativa elettorale vicino Perugia.

“Mi porto via dall’Umbria – ha aggiunto – testimonianze di affetto da tantissime donne e uomini di Chiesa che ci dicono di non mollare perché siamo sulla strada giusta”.

Salvini attacca la Rai

Non sono ovviamente mancate le frecciate agli avversari. “L’Umbria – ha detto ieri Salvini – è salva perché domani arrivano Luigi Di Maio, Giuseppe Conte e Nicola Zingaretti. Però guai a dire che sono qua in campagna elettorale… Passavano per caso, non sapevano se andare a Trapani o a Lecce… Hanno scelto Narni. Ma non sono qui a fare campagna elettorale a presentare un decreto sul terremoto in un Paese non terremotato… Tanto se c’è Di Maio non possiamo aspettarci tanto in geografia”.

L’ex ministro ha attaccato anche la Rai. “Da che esistono le elezioni in Italia – ha detto Salvini – , le regionali come le politiche e le europee, la sera lo speciale sulla Rai era su Rai 1, la rete principale. Ora voi umbri siete i primi nella storia che la serata elettorale da Rai 1, la spostano su Rai 3. Ma è un caso… Qualcuno che volesse essere maligno potrebbe pensare che hanno visto i sondaggi, sanno di prendere una mazzata e vanno sulla rete dei compagni…”.

La felpa “Bastardo” pronta per lunedì

“Sono affezionato a Bastardo, una frazione di Giano dell’Umbria. La felpa l’ho pronta per la conferenza stampa di lunedì. Faccio la prima conferenza stampa silenziosa nella storia dell’uomo, solo con la felpa e il sorriso”.

I candidati e le liste delle elezioni regionali in Umbria 2019
Chi è Vincenzo Bianconi, il candidato presidente di Pd e M5S in Umbria
Chi è Donatella Tesei, la candidata del centrodestra in Umbria
Ti potrebbe interessare
Politica / Liliana Segre denuncia Chef Rubio per minacce online
Politica / Dietrofront di Conte per il bonus pc e tablet ai deputati: “Regaliamoli alle scuole”
Politica / Minacce Meloni, Ronzulli: “Falsità su Reddito cittadinanza, stanno armando piazze”
Ti potrebbe interessare
Politica / Liliana Segre denuncia Chef Rubio per minacce online
Politica / Dietrofront di Conte per il bonus pc e tablet ai deputati: “Regaliamoli alle scuole”
Politica / Minacce Meloni, Ronzulli: “Falsità su Reddito cittadinanza, stanno armando piazze”
Politica / Regionali Lazio, “Così il Pd danneggia D’Amato. Le nomine per gli enti sui rifiuti lo dimostrano”. Parola di Montino (Pd)
Politica / Minacce di morte a Giorgia Meloni e sua figlia: indagato l'autore del post
Politica / “È diritto di critica”: TPI e Vladimir Luxuria assolti dall’accusa di aver diffamato il Congresso delle Famiglie
Politica / Meloni difende la manovra: “È ben fatta, da Bankitalia critiche non sostanziali”
Politica / Giustizia, Nordio contro le intercettazioni: “Strumento micidiale, serve una profonda revisione”
Politica / Mattarella: “Per il Pnrr bisogna onorare l’impegno con l’Ue nonostante le difficoltà”
Politica / Fazzolari: “La sinistra finalmente unita, ma per pagare il taxi o l’aperitivo col pos”