Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Salvini: “Se non vengono abbassate le tasse lascio il governo”

Immagine di copertina
Matteo Salvini

Salvini governo | Le minacce al M5s | Tasse | Flat tax

Salvini governo – “Se non ci dovesse essere una riforma fiscale coraggiosa, io saluto e me ne vado”.

A dirlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è il ministro dell’Interno Matteo Salvini. “Dal viaggio negli Stati Uniti ho portato una convinzione fortissima: all’Italia serve una riforma fiscale coraggiosa. E quindi, il mio dovere è farla”, afferma il vicepremier. Il riferimento, ovviamente, è in primo luogo alla flat tax, misura bandiera del Carroccio.

L’alternativa, appunto, è quella di far staccare la spina all’esecutivo.

Per Salvini serve un approccio alle politiche economiche “simile a quello di Donald Trump”.  Il vicepremier se la prende con la Ue, proprio nel corso del difficile negoziato per evitare la procedura di infrazione: “Basta gabbie sugli anni futuri, basta con lo strozzare la crescita possibile”.

Salvini governo | Taglio delle tasse da 10 miliardi

Quanto al taglio delle tasse, il leader della Lega lo quantifica in 10 miliardi: “Il problema è che non esiste un taglio delle tasse serio che possa richiedere meno di dieci miliardi. Ma poi, i liberali non vogliono il taglio delle tasse?”.

“Ma con il taglio delle tasse si rianima l’economia e i soldi ritornano – aggiunge il vicepremier nel suo colloquio col Corriere – Ma poi, ha visto i dati Istat? Io ringrazio Blangiardo, il presidente dell’Istat, che giusto oggi rende chiaro quello che noi diciamo da un pezzo: la recessione è quella demografica, il blocco delle nascite è un dramma”.

Salvini governo | Le polemiche con Di Battista

Salvini in questi giorni è stato molto polemico con alcuni esponenti del Movimento Cinque Stelle, e in particolare con Alessandro Di Battista. “Ci sono tanti parlamentari e ministri dei 5 Stelle che lavorano, io preferisco parlare con loro, non con i chiacchieroni tropicali a pagamento”, ha detto Salvini riferendosi all’ex deputato M5s.

“È strano – ha aggiunto il leader della Lega – che ci sia qualcuno che è alleato e che passa il suo tempo a insultarmi. Non guardò la tv e men che meno Di Battista, quello che dice è l’ultima delle mie preoccupazioni”.

Negli ultimi giorni Di Battista aveva lanciato numerosi attacchi al vicepremier. Lo scorso 14 giugno, in un post su Facebook, Dibba aveva definito Salvini “peggio di Soros“.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il ministro Valditara premia il merito degli amici suoi
Politica / Giorno della memoria, Meloni: “La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità”
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione
Ti potrebbe interessare
Politica / Il ministro Valditara premia il merito degli amici suoi
Politica / Giorno della memoria, Meloni: “La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità”
Politica / Cannabis, il botta e risposta tra Schlein e Salvini sulla legalizzazione
Politica / Decreto Ong: così la Lega punta a far tornare i Decreti Sicurezza
Politica / La Camera blinda la legge sull’aborto: votato un ordine del giorno in difesa della Legge 194
Politica / Caso Regeni, Tajani ribadisce la volontà dell’Egitto di collaborare: “Nessun tentennamento”
Politica / Mattarella al nuovo Csm: “L’indipendenza della magistratura è un pilastro della nostra democrazia”
Politica / Quanto guadagnano i ministri del governo Meloni: Carlo Nordio il più ricco
Politica / Ucraina, Tajani: “Dall’Italia aiuti per 1 miliardo, invieremo il sistema missilistico Samp-T”
Politica / Renzi ha dichiarato 2,5 milioni lordi nel 2021: parte del patrimonio deriva dai contratti di consulenza