Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Salvini: “Governo sparge migranti infetti per l’Italia per tenerci sotto stato di emergenza”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 23 Lug. 2020 alle 15:00 Aggiornato il 23 Lug. 2020 alle 15:01
49k
Immagine di copertina
Il leader della Lega Matteo Salvini

“Il governo sta spargendo infetti. Magari è una strategia per tenerci sotto lo stato di emergenza fino al 31 ottobre. Noi non li facciamo uscire dall’Aula se questi vogliono tenere sotto ricatto gli italiani fino al 31 ottobre. Non c’è nessuna emergenza sanitaria, chiunque voglia prorogare lo stato d’emergenza è un nemico d’Italia e degli italiani”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini in conferenza stampa alla Camera, commentando la possibile proroga dello stato di emergenza fino al 31 ottobre.

Salvini annuncia battaglia e accusa il governo di complicità: “Facendo sbarcare i migranti il governo sparge infetti per l’Italia”, un’azione “criminale”, l’esecutivo è “complice dei criminali”. “Stanotte ne sono sbarcati solo 400 (a Lampedusa, ndr), tutto sotto controllo. C’è un governo che sta ammazzando la Sicilia. Il governo odia la Sicilia, evidentemente. Il Pd e i 5 Stelle odiano la Sicilia. È l’anno più difficile dal dopoguerra per il turismo, spalancare i porti ed essere sui Tg di tutto il mondo come il campo profughi d’Europa una roba criminale, da criminali”.

“Già è un anno difficile di suo”, aggiunge Salvini. “Se poi li fai sbarcare e poi li spargi in giro per l’Italia… Temo che non sia incapacità, temo sia complicità. Questo governo nato perché l’Italia tornasse a essere il campo profughi d’Europa: complice dei criminali, questo il giudizio politico. Con quelli di stanotte siamo a 1.400 arrivi in 48 ore. Ma dove siamo? E spargono gli infetti! E poi alcuni giornalisti scrivono: allarme, focolai, stato di emergenza. Ci credo, se importi non lavoratori ma infetti Magari una strategia per tenerci sotto lo stato di emergenza fino al 31 ottobre”.

49k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.