Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Salvini: “La flat tax è pronta, costerà 30 miliardi”

Immagine di copertina

SALVINI FLAT TAX – Dopo il successo alle Elezioni Europee Matteo Salvini ha indicato la flat tax tra le sue priorità da leader del primo partito italiano e socio della maggioranza  di governo. Il leader della Lega continua a ribadire di considerare l’abbassamento delle tasse e la riduzione delle aliquote una proposta non più rinviabile. A due giorni dal voto che ha portato il Carroccio al 34 per cento dei consenti vengono indicate anche le cifre dell’operazione.

Matteo Salvini | Flat tax | La proposta della Lega

“Trenta miliardi di euro, questa è la proposta documentata centesimo per centesimo che siamo pronti a portare in Consiglio dei ministri e in Parlamento studiata dagli economisti della Lega” per la “riduzione fiscale, la ‘tassa piatta’ sui redditi delle imprese e delle famiglie almeno fino a 50mila euro”, ha annunciato Salvini in diretta Facebook a metà giornata.

> Le principali informazioni sulla flat tax

Ma il ministro dell’Interno aveva parlato di tasse anche in un’intervista rilasciata in mattinata a Rtl 102.5. “Sicurezza e tasse: tutto il resto viene dopo”, sono state le parole del vicepremier alla radio. Salvini ha ricordato che il decreto sicurezza “è pronto, era pronto già scorsa settimana”. Quanto alle tasse, “al Paese – ha continuato – serve uno choc fiscale. Dobbiamo abbassare le tasse, non tutto a tutti, però l’obiettivo c’è nel contratto di governo, il 15%, serve una cura Trump, una cura Orban, uno choc fiscale positivo per far ripartire il Paese”.

> I risultati definitivi delle Elezioni Europee 2019

A Rtl 102.5 il segretario della Lega ha aggiunto che “la proposta di Flat Tax sui redditi di impresa e sulle famiglie almeno fino a 50mila euro di reddito – almeno in un primo tempo – ‘costa’ circa trenta miliardi che è meno della metà di quello che sarebbe l’aumento del debito quest’anno”. “Quindi – ha proseguito Salvini – è un investimento che io da imprenditore farei, chiedo agli alleati dei Cinque Stelle e al Presidente del Consiglio chiedo coraggio e visione per il futuro, non la piccola gestione quotidiana che i leader europei hanno chiesto ai popoli negli anni passati e comunque vada Lega e Cinque Stelle hanno ben più del 50% dei consensi”.

> Le ultime notizie sul governo

Ti potrebbe interessare
Politica / Parte la raccolta firme per il Referendum sull'abrogazione parziale della legge elettorale Rosatellum
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Ti potrebbe interessare
Politica / Parte la raccolta firme per il Referendum sull'abrogazione parziale della legge elettorale Rosatellum
Politica / Schlein e Renzi abbracciati, Conte obbedisce al ct La Russa. E la Nazionale Politici batte i Cantanti
Politica / Pier Silvio Berlusconi: "L'aeroporto intitolato a mio padre? Non mi sono piaciute le modalità"
Politica / Roberta Metsola rieletta presidente del Parlamento europeo
Politica / “Sono il civile De Luca”: la nuova gelida stretta di mano tra Meloni e il governatore
Politica / Luca Zaia: “Armi a Kiev? È giunto il tempo della diplomazia”
Politica / La stoccata di Geppi Cucciari al ministro Sangiuliano e a TeleMeloni: “Applaudite, qua non possiamo coprire i fischi”
Politica / Il ministro Sangiuliano contestato, ma su Rai 1 i fischi si trasformano in applausi: i video a confronto
Politica / Il monito di Mattarella contro la "democrazia della maggioranza”
Politica / Città contro campagna e il fattore banlieues: la mappa del voto in Francia