Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Inginocchiati o ti ammazzo”: il capo gabinetto di Gualtieri si dimette dopo la diffusione di un video shock

Immagine di copertina
Credit: ANSA/GIORGIO ONORATI

Roma, il capo gabinetto di Gualtieri si dimette dopo la diffusione di un video

Albino Ruberti, capo gabinetto del sindaco di Roma Roberto Gualtieri, si è dimesso dopo la diffusione di un video in cui urla e minaccia di morte due uomini.

La violenza verbale, immediatamente condannata dal Pd, è andata in scena un paio di mesi fa all’esterno di un ristorante di Frosinone, ed è ora stata resa pubblica da Il Foglio.

Nel filmato si sente il dirigente del Comune prendersela con due uomini, tale Vladimiro, broker assicurativo della Unipol e fratello di Francesco De Angelis, ex assessore regionale ed europarlamentare del Pd, che aveva annunciato la sua intenzione di candidarsi alle elezioni politiche del 25 settembre, salvo poi ritirare la candidatura dopo la diffusione del video, e con un non meglio identificato Adriano.

“Me te compro!? A me? Si deve inginocchiare e chiedermi scusa, altrimenti dico a tutti quello che mi ha detto. Li ammazzo! Lo ammazzo! Deve venire qui a chiedere in ginocchio scusa, altrimenti io stasera scrivo quello che mi avete chiesto a tavola. Cinque minuti je do. Cinque! Vi sparo! T’ammazzo. Cinque minuti, qui in ginocchio, tutti e due” urla l’ormai ex capo gabinetto di Gualtieri nel filmato.

Interpellato da Il Foglio, Ruberti si era giustificato affermando che lo scontro verbale era nato “per motivi calcistici”, ma la vicenda, definita “gravissima” dal Nazareno, non poteva che concludersi con le dimissioni di Albino Ruberti e il passo indietro annunciato da Francesco De Angelis.

Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, bollette in fiamme davanti alla sede di Cassa Depositi e Prestiti: “Lo Stato tassi gli extraprofitti” | VIDEO
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, bollette in fiamme davanti alla sede di Cassa Depositi e Prestiti: “Lo Stato tassi gli extraprofitti” | VIDEO
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Politica / “Caro Pd, o cambi o ti estinguerai”: viaggio nei circoli dem di Roma dopo la debacle elettorale
Politica / Gas, Meloni: “La priorità è fermare la speculazione”. La Farnesina convoca l’ambasciatore russo
Politica / La madre di Giorgia Meloni contro Rula Jebreal: “Si vergogni di attaccare mia figlia usando la storia del padre”
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Politica / Ecco l’Italia di Giorgia: viaggio tra i sostenitori di Meloni
Politica / Governo, Berlusconi: "Massima comunità d’intenti nel centrodestra". Lega, lo strappo di Bossi