Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Tasse ridotte per le donne, il rettore dell’università di Bari risponde a Pillon: “È una manovra civile. Gli auguro buona fortuna nel leggere il mondo”

Immagine di copertina
Da sinistra, Stefano Bronzini, rettore dell'Università degli Studi Aldo Moro di Bari, studenti fuori dall'Ateneo e il senatore della Lega Simone Pillon. Credits: Ansa

Il rettore dell’Università di Bari, Stefano Bronzini, risponde al senatore della Lega, Simone Pillon, che nelle scorse ora ha contestato l’iniziativa dell’ateneo per incentivare le iscrizioni delle donne ai corsi di laurea tecnico-scientifici attraverso una riduzione delle tasse.

Il commento sessista del senatore Pillon

“L’Università di Bari spinge per far iscrivere ragazze a corsi di laurea tipicamente frequentati in prevalenza dai ragazzi. È naturale che i maschi siano più appassionati a discipline tecniche, tipo ingegneria mineraria, mentre le femmine abbiano una maggiore propensione per materie legate all’accudimento, come ostetricia”, ha scritto il senatore della Lega su Facebook. “Questo però non sta bene ai cultori del gender, secondo i quali ci devono essere il 50 per cento di donne nelle miniere e il 50 per cento di uomini a fare puericultura”. Secondo Pillon, “Imporre ai maschi di pagare più delle femmine per orientare la libera scelta di un percorso universitario è un modo di fare ideologico, finalizzato a manipolare le persone e la società”. “La cosa divertente – aggiunge Pillon – è che proprio sulla base della stessa ideologia gender, orgogliosamente propugnata dal Ddl Zan, agli studenti maschi basterà autopercepirsi come femmine per i pochi minuti necessari all’atto dell’iscrizione per poter beneficiare legalmente dello sconto“.

La risposta del rettore dell’università di Bari

Il rettore dell’Università di Bari Stefano Bronzini risponde al leghista Pillon: “Posso dire che ovviamente la libertà d’espressione, sancita dalla Costituzione, permette a tutti di dire quello che si pensa, ma mi meraviglio che un componente del Senato non si ricordi che abbiamo soltanto fatto una cosa in linea con le normative europee e le linee date dal Ministero per le questioni di genere – spiega il rettore a Repubblica – Non credo che il consiglio d’amministrazione abbia preso provvedimenti che vadano al di fuori del nostro ambito decisionale e ritengo che sia una manovra civile. Gli auguro ogni buona fortuna, soprattutto nella capacità di lettura e interpretazione del mondo“.

Leggi anche: Pillon contro l’università di Bari: “Femmine portate per materie legate ad accudimento. Ideologico imporre tasse più alte ai maschi”

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Politica / Pillon: “I maschi devono gareggiare con i maschi e le femmine con le femmine”
Politica / Cassese a TPI: “C’è un uso abusivo dello stato d’emergenza”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Gaia Tortora azzanna i giudici, ma coccola Berlusconi e Salvini (di Riccardo Bocca)
Politica / Pillon: “I maschi devono gareggiare con i maschi e le femmine con le femmine”
Politica / Cassese a TPI: “C’è un uso abusivo dello stato d’emergenza”
Politica / Marta Cartabia premier e Mario Draghi al colle: il piano di Giorgetti per non andare al voto
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)