Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Mi gioco l’osso del collo”: Renzi si candida in 5 città per tentare di salvare Italia Viva

Immagine di copertina

“Mi gioco l’osso del collo”: Renzi si candida in 5 città per salvare Italia Viva

O la va o la spacca: alle prossime elezioni politiche il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, si gioca il tutto per tutto nel tentativo di salvare il suo partito.

Lo svela La Repubblica, secondo cui l’ex premier, ormai svanita la possibilità di creare un terzo polo con Azione di Carlo Calenda, starebbe preparando la sua candidatura in 5 città con l’obiettivo di ottenere almeno un milione di voti: ovvero quanto basta per superare la soglia del 3% del Rosatellum.

Se riuscisse nel suo intento, Renzi potrebbe portare in Parlamento 8-10 deputati e 3-5 senatori.

Renzi, che ha dichiarato di aver rifiutato il “diritto di tribuna” offerto dal Pd, circostanza in realtà smentita dal Partito Democratico, si dovrebbe candidare nella sua Firenze, oltre che a Roma, Milano, Napoli e Torino.

La sfida è di quelle proibitive, tanto che, secondo quanto riferito dal quotidiano, Renzi sarebbe consapevole questa volta di giocarsi “l’osso del collo”.

L’ex presidente del Consiglio prepara la sua candidatura come primo nome nel listino proporzionale, ma il senatore sarebbe pronto anche a sfidare Di Maio e qualche altre nome “simbolico” nell’uninominale.

Renzi, che dopo l’accordo tra Letta e Calenda spera di racimolare voti in uscita dai delusi del centrodestra, punta forte sulla Toscana dove bisogna raggiungere almeno il 10% per compensare i voti nelle Regioni in cui Italia Viva andrà peggio.

Motivo per cui, oltre alla Leopolda, in programma a Firenze dall’1 al 3 settembre, l’ex premier punta su alcuni nomi forti da spendere in campagna elettorale: da Stefania Saccardi, vicepresidente della Toscana nella giunta Giani, all’ex sindaco di Livorno Alessandro Cosimi.

Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Politica / Morgan: “Sono anarchico, non fascista. Ho scritto alla Meloni perché non è snob”
Politica / Jova Beach Party, Salvini difende Jovanotti: “Va premiato, polemiche pseudo-ambientaliste”
Politica / Elezioni, l’ex procuratore antimafia De Raho tra i candidati sul tavolo di Conte
Politica / Renzi spera nel Terzo Polo ed è pronto a cedere il ruolo di leader a Calenda
Politica / Giorgia Meloni: “Morgan? Ogni tanto ci sentiamo, ma non sta scrivendo il programma di Fratelli d’Italia”
Politica / Tommaso Zorzi attacca Salvini: “Un idiota”. La replica del leghista: “Agli insulti rispondo con le idee”