Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Ballottaggi elezioni comunali 2019 Reggio Emilia | Candidati | Come si vota

Immagine di copertina

Ballottaggio Reggio Emilia 2019 |Reggio Emilia Ballottaggio elezioni comunali 2019 | Candidati

Ballottaggio Reggio Emilia 2019 | Domenica 9 giugno Reggio Emilia torna alle urne per scegliere il suo sindaco.

Dopo il risultato delle Elezioni europee, che hanno visto la Lega diventare primo partito in tutta la regione, è attraverso il voto nei comuni che il Partito Democratico cercherà di fermare l’avanzata del Carroccio nelle storiche città rosse.

A Reggio Emilia la sfida è tra Luca Vecchi, sindaco uscente del Partito Democratico, e Roberto Salati, il candidato scelto dalla coalizione di centrodestra a trazione leghista (unita a Forza Italia e Fratelli D’Italia). Qui i risultati del primo turno

>> Qui tutti i comuni al ballottaggio

Ballottaggio Reggio Emilia | I candidati

Parte favorito, a Reggio Emilia, il sindaco uscente del Pd Luca Vecchi, che il 26 maggio si è fermato a un soffio dalla riconferma incassando il 49,13 per cento delle preferenze.

A sfidarlo Roberto Salati, che ha ottenuto il 28,2 per cento, fotografo di matrimoni, moda e pubblicità al suo esordio in politica e candidato del centrodestra.

Ballottaggio Reggio Emilia | Com’è andato il primo turno del 26 maggio

Questi sono i risultati del primo turno che si è tenuto domenica 26 maggio 2019:

  •  Luca Vecchi (centrosinistra): 49,1%
  •  Roberto Salati (centrodestra): 28,2%
  •  Rossella Ognibene (M5S): 14,6%
  •  Cinzia Rubertelli (Alleanza Civica): 5,4%
  •  Daniele Codeluppi (Reggio Emilia in Comune): 2,4%

Reggio Emilia elezioni comunali 2019 | Come si vota

Alle comunali di Avellino, così come negli altri comuni italiani, non è ammesso il voto disgiunto al ballottaggio. A differenza del primo turno non si può votare per un candidato sindaco e per una lista che non è ad esso collegata.

Il sindaco si elegge con sistema maggioritario, mentre la ripartizione dei seggi ai consiglieri avviene tramite sistema proporzionale.

Per garantire la governabilità, alle liste collegate al candidato sindaco vincitore viene attribuito il 60 per cento dei seggi. I restanti posti nel Consiglio verranno poi assegnati alle altre liste in maniera proporzionale attraverso il metodo D’Hondt.

Ti potrebbe interessare
Politica / Renzi: “Non vi preoccupante, entro venerdì avremo un nuovo presidente della Repubblica”
Politica / Quirinale, Salvini: “Il centrodestra farà proposte di alto livello. Non faccio nomi”
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri
Ti potrebbe interessare
Politica / Renzi: “Non vi preoccupante, entro venerdì avremo un nuovo presidente della Repubblica”
Politica / Quirinale, Salvini: “Il centrodestra farà proposte di alto livello. Non faccio nomi”
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri
Politica / Quirinale, il vice di Conte a TPI: “Pronti a votare con il centrodestra, serve un candidato che unisca”
Politica / Quirinale, Crippa (M5S): “Mattarella resta nome estremamente importante per noi”
Politica / Quirinale, incontro Toti-Renzi: se Berlusconi esce di scena, pronti a unire le forze
Politica / Tradimenti, bigliettini, colpi di scena: il grande romanzo del voto sul Quirinale (di S. Mentana)
Politica / Da Berlusconi a Draghi passando per il Mattarella bis: ecco chi sono i papabili per il Quirinale
Politica / “Io alternativo agli ultra-liberisti, Draghi e Berlusconi hanno fatto danni” (di P. Maddalena)
Politica / Dalla minaccia Berlusconi alla svolta presidenzialista di Draghi: il Quirinale può cambiare i destini dell’Italia