Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Referendum giustizia, approvato l’odg della Lega per l’election day

Immagine di copertina
Credit: ANSA/ JESSICA PASQUALON

Referendum giustizia, approvato l’odg della Lega per l’election day

La Camera oggi ha approvato un ordine del giorno della Lega per tenere nella stessa data le elezioni amministrative e i referendum sulla giustizia. Una richiesta approvata a larghissima maggioranza, con 372 sì, 7 contrari e un astenuto, che impegna il governo a “valutare di prevedere che le elezioni amministrative 2022 e i referendum sulla giustizia si svolgano in un’unica tornata“. La speranza è quella di agevolare il raggiungimento del quorum sui cinque quesiti sulla giustizia, sui cui gli italiani si dovranno esprimere in primavera.  Il traguardo del cinquanta per cento più uno degli aventi diritto è considerato difficilmente alla portata dei promotori, come dimostrano i dati degli ultimi anni. In ben 7 degli 8 referendum indetti dal 1997 infatti il quorum non è stato raggiunto. Anche l’election day potrebbe non influire sulle possibilità dei referendum, data la scarsa affluenza registrata alle scorse tornate per le elezioni amministrative. Al voto questa volta andranno 23 capoluoghi di provincia, quasi tutti di medio-piccole dimensioni a eccezione di Genova e Palermo.

Sull’ordine del giorno, presentato dal deputato Igor Iezzi, il governo non aveva espresso un parere, rimettendosi al voto dell’Aula. Nel documento, votato nell’ambito dell’esame del decreto legge Milleproroghe, si sottolinea che “la coincidenza del periodo in cui dovranno essere tenute le consultazioni elettorali e referendarie dovrebbe portare il Governo ad optare per un ragionevole accorpamento delle rispettive date, in modo tale da facilitare la partecipazione popolare e, al contempo, semplificare le procedure e contenere i costi”. Un “election day”, afferma l’odg, permetterebbe di risparmiare “circa 200 milioni di euro di spese organizzative”. Secondo la legge, i referendum abrogativi devono tenersi in una domenica compresa tra il 15 aprile e il 15 giugno.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neonato trovato morto a Villa San Giovanni, non si esclude la pista della prostituzione minorile
Roma / Inaugurata la prima Newton Room permanente d’Italia all’Aeroporto di Fiumicino
Cronaca / Non raccoglie gli escrementi del suo cane: il sindaco pubblica le immagini sui social e annuncia multa
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Neonato trovato morto a Villa San Giovanni, non si esclude la pista della prostituzione minorile
Roma / Inaugurata la prima Newton Room permanente d’Italia all’Aeroporto di Fiumicino
Cronaca / Non raccoglie gli escrementi del suo cane: il sindaco pubblica le immagini sui social e annuncia multa
Cronaca / Aggressione omofoba a Reggio Calabria: arrestati tre giovani
Cronaca / Trovata la madre del neonato morto abbandonato tra gli scogli a Reggio Calabria: ha 13 anni
Cronaca / Terrorismo: arrestato a Torino un esponente dell’Isis
Cronaca / Impagnatiello: “Andai a pranzo da mia mamma con il cadavere di Giulia nell’auto”
Cronaca / Vibo Valentia, picchiano un senza tetto e filmano la violenza: denunciati 6 minori
Cronaca / Rissa Fedez-Iovino: il video del pestaggio ripreso dalle telecamere di sorveglianza
Cronaca / Alessandro Impagnatiello in aula a Milano: “Così ho ucciso Giulia Tramontano”