Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 06:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Recovery Plan, fonti Ue: “L’Italia rischia di non rispettare la scadenza per la presentazione del piano”. Ma Palazzo Chigi smentisce

Immagine di copertina
Mario Draghi Credits: ANSA

Secondo fonti vicine alla Commissione europea la presentazione definitiva del piano italiano potrebbe slittare a metà maggio perché sarebbero state chieste delle modifiche alla bozza presentata. Ma il governo assicura: "Nessun ritardo"

Due settimane potrebbero non bastare all’Italia per rispettare la scadenza di presentazione del Recovery Plan fissata per il 30 aprile. Secondo un’esclusiva pubblicata da Reuters, la Commissione europea non sarebbe soddisfatta delle bozze presentate dal governo italiano sino ad oggi. E le modifiche richiederanno tempo, con la conseguenza che la data di presentazione del piano potrebbe slittare.

“La presentazione potrebbe slittare a maggio”

Questa per l’esecutivo sarebbe una doppia sconfitta: in primo luogo perché il governo guidato da Mario Draghi è nato con la missione di spendere bene i 209 miliardi dei fondi europei per la ripresa. E, in seconda battuta, per l’inefficienza dell’Italia di fronte all’Ue descritta dall’agenzia Reuters.

Secondo una fonte vicina alla Commissione europea la presentazione definitiva del piano italiano potrebbe slittare a metà maggio. “La Commissione è scontenta del piano di ripresa così com’è”, ha dichiarato una fonte a Reuters. In particolare, Bruxelles sembra preoccupata dalla mancanza di dettagli su come verrà gestito il piano una volta ottenuta l’approvazione dall’Ue e da alcune delle riforme, tra cui quella del sistema giudiziario. Per questo Bruxelles avrebbe chiesto all’Italia di modificare la bozza.

La smentita del governo

Tuttavia, fonti di Palazzo Chigi hanno smentito un qualsiasi rallentamento: “L’Italia presenterà puntualmente il 30 aprile il Piano nazionale di rilancio e resilienza”. Un portavoce del premier ha confermato che, come da calendario, Mario Draghi illustrerà il piano alle Camere il 26 e 27 aprile e prima di quella data ci sarà un passaggio in Consiglio dei ministri. Secondo l’accordo sul Next Generation Ue, 200 dei 750 miliardi del piano di aiuti andranno all’Italia in una forma mista di prestiti e sovvenzioni che saranno distribuiti nell’arco dei prossimi sei anni.

I precedenti

I dubbi su possibili slittamenti nella presentazione dei piani erano in realtà nati venerdì scorso, quando il , vicepresidente esecutivo della Commissione, Valdis Dombrovskis, aveva detto: “Alcuni piani di rilancio sono più avanzati di altri. Meglio prendersi una settimana in più o due per fare buoni progetti, piuttosto che concentrarsi sulle scadenze”. Una dichiarazione senza nomi o riferimenti, ma che ha subito acceso i riflettori sull’Italia, prima beneficiaria del piano europeo.

Se la presentazione slittasse, slitterebbe anche il primo acconto di 23 miliardi atteso da Roma tra luglio e agosto. Sarebbe un segnale che potrebbe mettere in agitazione i mercati finanziari, soprattutto dopo l’approvazione del Def che ha certificato come quest’anno il debito pubblico arriverà al 160 per cento. I numeri sono questi, nonostante il premier Draghi lo abbia definito “debito buono”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ballottaggi, affluenza in calo: alle 19 è al 26,71%
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ballottaggi, affluenza in calo: alle 19 è al 26,71%
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Politica / L’ultimo volo di Alitalia, il sindaco di Fiumicino al gate: “Ita non ha visione e nessuno pensa ai lavoratori dell’indotto”
Politica / Chi flirta col Ventennio: ecco chi sono i nostalgici imbucati tra Lega e Fratelli d’Italia
Cronaca / Scontro Salvini-Letta sul Green Pass: “Semplificare vita ai non vaccinati”. Il leader Pd: “Non cedere su regole”