Covid ultime 24h
casi +8.864
deceduti +316
tamponi +146.728
terapie intensive -67

Recovery, Franco: “Ora 191,5 miliardi a disposizione per l’Italia. Meno di 2 mesi per il piano”

L'impatto sul Pil sarà anche di oltre il 3 per cento valutando le riforme

Di Anna Ditta
Pubblicato il 8 Mar. 2021 alle 14:46
49
Immagine di copertina
EPA/PRESS CONFERENCE G20 ITALY

Nel Recovery Fund ci sono “fondi a disposizione del nostro Paese per gli anni 2021-2026 per circa 196 miliardi a prezzi correnti, 69 dei quali sotto forma di trasferimenti e 127 sotto forma di prestiti” ma in base agli ultimi dati economici e al regolamento europeo la cifra scende a “191,5 miliardi, leggermente inferiore a quella indicata a gennaio”.

A comunicarlo è stato il ministro dell’Economia Daniele Franco nel corso dell’audizione nelle commissioni congiunte Bilancio, Finanze e Politiche Ue di Senato e Camera sulla proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza, il cosiddetto Recovery plan. “Queste cifre sono oggetto di ulteriore margine di variabilità”, ha detto Franco, sottolineando che “le risorse europee saranno disponibili alla fine dell’estate“.

“Questo è un primo incontro e spero che sia l’inizio di un dialogo durevole e intenso perché abbiamo davanti a noi un percorso che sarà molto rapido e intenso e credo che dobbiamo interagire strettamente”, ha aggiunto Franco, sottolineando che “il piano rappresenta certamente una priorità per il governo, per il Paese e ovviamente per il ministero dell’Economia e delle Finanze”.

“Il documento deve avere contenuti ambiziosi ma anche credibili e dettagliati“, ha sottolineato il ministro dell’Economia. Per Franco serve “un cambio di passo nel modo di impiegare le risorse che anche in passato l’Ue ha messo a disposizione anche in riferimento ai fondi strutturali europei”.

Il governo “è impegnato”, ha detto il ministro, a rafforzare “alcune parti del piano esistente, prevedendo anche un capitolo che predisponga la governance e tarare i progetti sulle risorse pienamente disponibili. Infine alcuni progetti non sono ancora pienamente delineati e vanno completati”, ha aggiunto Franco.

“Occorre una governance robusta e articolata nella fase di attuazione degli interventi” e “compiti e responsabilità” saranno suddivise su “due livelli di governance: stiamo considerando la costituzione di una struttura centrale di coordinamento presso il Mef a presidio e supervisione dell”efficace attuazione del piano”, che sarà “affiancato da una unità di audit indipendente“, ha spiegato Franco. “A livello di ciascun ministero si considera la creazione di presidi di monitoraggio e controllo sulle misure di rispettiva competenza con il compito di interagire con i soggetti attuatori”.

Nella Nota di aggiornamento al Def “si valuta l’impatto sul Pil del 3 per cento, quindi si dice spendiamo 200 miliardi, abbiamo 60 miliardi di Pil in più” ma la simulazione del Mef valutava “un impatto stabile sul Pil, cioè che tutti gli anni abbiamo un Pil più alto del 3 per cento” e “non teneva conto di possibili effetti delle riforme: ove si realizzassero e portassero a un sistema economico più competitivo la crescita del Pil potrebbe essere più elevata”. Il ministro ha specificato: “Il 3 per cento è l’impatto solo del Piano ma la nostra crescita non dipende solo dal piano”.

Leggi anche: 1. Draghi appalta il Recovery Plan ai privati: i consulenti di McKinsey affiancheranno il Governo /2. Diavolo d’un banchiere (di Marco Revelli) /3. “Addio a sussidi, bonus e reddito di cittadinanza: con Draghi pagheremo un prezzo sociale salatissimo”. Parla Marco Revelli

49
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.