Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Quirinale, Berlusconi: “Sono stato io a decidere di rinunciare per evitare polemiche”

Immagine di copertina

Quirinale, Berlusconi: “Sono stato io a decidere di rinunciare per evitare polemiche”

“Non ho nessun motivo di amarezza o di delusione”. Così Silvio Berlusconi ha commentato la scelta di rinunciare alla sua candidatura per il Quirinale a due giorni dal primo scrutinio, affermando di aver preso la decisione per evitare “polemiche o lacerazioni inopportune”. “Sono stato io a decidere, dopo un’approfondita riflessione, di non accogliere la proposta che mi era stata avanzata da tante parti”, ha detto il Cavaliere in un’intervista al Corriere della Sera, in un cui ha rivendicato anche la scelta la rielezione Sergio Mattarella, sganciando Forza Italia dagli alleati della Lega e Fratelli d’Italia, dopo che era caduta la candidatura di Pierferdinando Casini. “Quindi, ritenendo necessario garantire la stabilità del governo e del Paese, ho chiamato il Presidente Mattarella chiedendogli la disponibilità ad essere votato”, ha detto Berlusconi, affermando che “è del tutto normale che Forza Italia compia le sue scelte in piena libertà e autonomia: la coalizione di centro-destra non è un partito unico”.

“Le parole del Presidente Mattarella alle Camere, sulla giustizia, sulla politica internazionale, sulla centralità del Parlamento, sulla difesa dei più deboli, sulla dignità delle persone stanno a dimostrare che abbiamo fatto la scelta giusta”, ha detto Berlusconi, che ha poi ribadito come la rielezione di Mattarella si “un passo importante sulla strada della stabilità. Non credo che nessuno possa né voglia rimetterla in discussione”.

Per quanto riguarda la sua candidatura, Berlusconi ha detto di aver rinunciato “perché da due anni sto lavorando per l’unità politica e morale della Nazione in un momento di emergenza. Ho ritenuto fosse più utile all’Italia evitare che sul mio nome si consumassero polemiche o lacerazioni inopportune”.

Nell’intervista, Berlusconi si è detto pessimista sulla possibilità che il parlamento possa approvare una nuova legge elettorale (“è una discussione astratta”) e ha aperto a una federazione con i partiti centristi come Coraggio Italia, Noi per l’Italia e l’Udc, “nel solco del Partito Popolare Europeo, di cui siamo orgogliosamente espressione in Italia”. “La storia di Renzi è diversa, un giorno forse deciderà dove vuole approdare”, ha aggiunto.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna
Politica / Piantedosi: “Condivido richiamo Mattarella, anche sugli insulti. Scontri casi isolati”
Politica / Malumore in Forza Italia per le continue assenze di Marta Fascina
Politica / Sardegna, vince il centrosinistra. La neo-presidente Todde: "Alleanza M5S-Pd unica via". Meloni: "Impareremo dalla sconfitta". Salvini: "Il Governo è saldo"
Politica / Europee, Salvini continua a "corteggiare" Roberto Vannacci
Politica / Elezioni regionali in Sardegna, affluenza in aumento: 44,1% alle 19
Politica / Il richiamo del Colle contro i manganelli ai cortei pro-Palestina, la destra non ci sta: “È colpa della Sinistra e dei provocatori”
Politica / Mattarella sulle cariche ai cortei pro-Palestina: "Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento"