Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il politologo Ignazi a TPI: “Draghi sull’Ucraina non è incisivo, Conte in Europa ha fatto meglio”

Immagine di copertina

“Da Draghi mi aspettavo di più: ha sottovalutato la forza dei partiti in una maggioranza troppo variegata. E sul fisco ha favorito gli evasori.Come uomo politico è non pervenuto”. Intervista al politologo Piero Ignazi

Piero Ignazi, politologo, professore di Scienze politiche all’Università di Bologna, già direttore della rivista Il Mulino, vede molte ombre e pochissime luci in questi primi 15 mesi di Governo Draghi.

Professore, iniziamo dalla guerra in Ucraina. Il premier sta gestendo bene la crisi internazionale?
«La sta gestendo secondo la linea comune dell’Unione europea. Ma, vista la personalità di alto profilo, ci saremmo aspettati un ruolo più incisivo».

Dunque sbagliava chi vedeva in Draghi «l’erede di Merkel»?
«Lasciamo perdere, conosciamo la piaggeria italiana… Certamente però, considerata la sua statura internazionale, si poteva pensare a un ruolo più incisivo. Del resto non è stato tenuto in grande considerazione neanche dall’Amministrazione americana, che ha tardato moltissimo a prendere contatto con l’Italia rispetto agli altri tre Paesi centrali dell’Europa».

Eppure, nella sua prima intervista da premier a un giornale, concessa il giorno di Pasqua al Corriere della Sera, Draghi ha detto che «sul fronte internazionale l’Italia è tornata a pesare».
«Fatico a vederlo. Purtroppo questa crisi ha confermato lo scarso peso geopolitico dell’Italia».

Draghi è appiattito sulla linea di Biden?
«Bah, da Macron a Scholz non è che ci sia una linea molto diversa nel resto d’Europa. Però, ad esempio su un tema importante come la difesa europea, si poteva pensare a un intervento più forte da parte di Draghi».

E invece?
«Va bene che quello non è il suo terreno, non è l’economia. Ma una figura molto più pallida come Giuseppe Conte, in una fase completamente diversa come quella della pandemia, ha saputo giocare un ruolo ben più rilevante nel modificare le posizioni dell’Europa sulla condivisione del debito».

«Preferite la pace o i condizionatori spenti?»: semplificazione eccessiva?
«Sì, battuta molto infelice. Non è che se aumentiamo le sanzioni abbiamo la pace: questa è una pia illusione. Ma per me sarebbe stato giusto bloccare fin da subito l’acquisto di gas dalla Russia e avvertire gli italiani: “Staremo al freddo un anno”. Altro che le sanzioni sugli yacht degli oligarchi…».

Il gas non serve solo ad alimentare il riscaldamento nelle case, ma anche alle imprese per produrre.
«Ma è chiaro! Però non è che rimarremmo improvvisamente senza gas: il punto è quanto darne alle famiglie e quanto alle imprese. Le imprese dovrebbero avere accesso al gas, e le famiglie avrebbero bisogno di più pullover».

L’embargo sul gas russo si farà?
«Si lega a un altro tema spinoso: quello del prezzo del gas, su cui gli olandesi stanno speculando in maniera vergognosa. Finché non si pone un tetto al prezzo a livello europeo…».

Ma è proprio Draghi a proporlo.
«Sì, l’ha proposto. E si è vista la sua capacità d’influenza…».

Passiamo alla politica interna: il governo arriverà a fine legislatura?
«E chi lo sa?»

Se dovesse scommettere un euro?
«Credo che ogni giorno che passa sia sempre più difficile».

Perché?
«In questo governo sono stati messi insieme il diavolo e l’acqua santa: possono resistere un po’, ma alla lunga fanno fatica. Se non ci fosse stata la guerra, forse avremmo visto una dissoluzione di questa alleanza molto prima. I problemi aumentano di giorno in giorno».

Ora si discute della riforma della Giustizia.
«Sembrava un carro alato della vittoria e invece adesso è impantanata».

Draghi è stato ingoiato dal tritacarne dei partiti?
«Non la metterei così. Direi dalle differenze di posizione che legittimamente i partiti hanno e che legittimamente emergono quando si discute di problemi che riguardano visioni e interessi diversi».

L’errore è stato a monte nell’aver creato una maggioranza così variegata?
«Sì, l’errore è l’inizio del governo Draghi, su cui non sono mai stato d’accordo».

La stampa ha concesso a Draghi un credito che ad altri non era stato concesso?
«Assolutamente sì»…Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”
Politica / Conte: “M5S sconfitto in Senato, registriamo che c’è una nuova maggioranza da FdI a Iv”
Politica / Stefania Craxi eletta presidente della Commissione Esteri del Senato al posto di Petrocelli
Ti potrebbe interessare
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”
Politica / Conte: “M5S sconfitto in Senato, registriamo che c’è una nuova maggioranza da FdI a Iv”
Politica / Stefania Craxi eletta presidente della Commissione Esteri del Senato al posto di Petrocelli
Politica / Matteo Renzi: “I magistrati hanno interrotto il cammino di crescita di Italia Viva”
Politica / Giornata contro l’omofobia, Mattarella: "Rispetto e uguaglianza sono principi non derogabili"
Politica / Berlusconi attacca Biden e la Nato: "Così Putin non tratta"
Politica / “Vergogna, venduto!”: Speranza contestato dai No Vax a La Spezia | VIDEO
Politica / Salvini dopo l’incontro con Draghi: “L’invio di armi in Ucraina allontana la pace. Serve il cessate il fuoco”
Politica / Giornata contro l’omofobia, la destra contro la circolare alle scuole: “Promuove l’ideologia gender”. M5S: “Protesta oscena”
Esteri / Guerra in Ucraina, Di Maio: “Bisogna tenere aperto un canale con Mosca”