Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

Genova, attracca nave saudita con un carico di armi

Di Giovanni Macchi
Pubblicato il 21 Mag. 2019 alle 10:39 Aggiornato il 21 Mag. 2019 alle 11:35
0
Immagine di copertina
La nave saudita attraccata a Genova. Credit: ANSA/LUCA ZENNARO

Nave saudita Genova | Nella prima mattinata di lunedì 20 maggio, attorno alle ore 6, è attraccata nel porto di Genova la nave Bahri Yambu, un cargo che batte bandiera dell’Arabia Saudita.

Il Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali ha tentato di impedire l’attracco della nave, che doveva imbarcare armi dirette in Yemen, e ha esposto uno striscione con su scritto: “Stop ai traffici di armi, guerra alla guerra”.

Aggiornamento martedì 21 maggio – Lo sciopero ha pagato: la nave infatti è ripartita dal porto di Genova senza imbarcare nulla (qui tutti i dettagli).

> Nave delle armi, vincono i portuali di Genova: l’imbarcazione saudita ha lasciato l’Italia senza caricare materiali militari

L’Arabia Saudita è direttamente coinvolta nella guerra civile in corso in Yemen. I lavoratori portuali della Filt Cgil avevano chiesto di poter ispezionare l’imbarcazione per verificare l’eventuale presenza di armi.

I segretari del sindacato avevano scritto in un comunicato: “Vogliamo segnalare all’opinione pubblica nazionale e non solo che, come hanno già fatto altri portuali in Europa, non diventeremo complici di quello che sta succedendo in Yemen”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

Alla fine la loro battaglia ha avuto la meglio e la Bahri Yambu, entrata nel porto di Genova scortata da due motovedette della capitaneria di porto, è ripartita senza imbarcare nulla.

La questione ha creato numerose polemiche politiche nella giornata di ieri: il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha infatti cavalcato per mesi (e continua a farlo) la retorica dei porti chiusi nei confronti dei migranti.

Ora però, una nave che trasporta armi dirette in Yemen, dove si sta consumando un’atroce guerra civile (qui tutto quello che c’è da sapere sul conflitto) con milioni di morti, viene fatta attraccare senza problemi in un porto italiano.

La contraddizione è stridente e non è certo passata inosservata. Porti chiusi per i migranti, ma non per le armi.

Per fortuna, però, lo sciopero dei portuali ha evitato che la nave caricasse armi.

A Genova c’è una nave saudita che trasporta armi: indagate su quella e lasciate stare i migranti (di Giulio Cavalli)

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.