Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Viaggio intempestivo”. Per Nardella è questo il vero problema dei rapporti di Renzi con l’Arabia Saudita

Immagine di copertina
A sinistra Matteo Renzi in un fermo immagine del video del suo colloquio col principe saudita. A destra, Dario Nardella (foto da Facebook)

Il viaggio di Matteo Renzi in Arabia Saudita “è stato intempestivo“. Secondo Dario Nardella, sindaco di Firenze e amico di lungo corso di Renzi, è questo il problema del caso Riad scoppiato intorno al leader di Italia Viva. “Il punto vero”, ha dichiarato Nardella in un’intervista pubblicata oggi sul Corriere della Sera, “è che l’Italia deve giocare un ruolo di leadership in Medio Oriente che ora non ha”.

Il punto critico del viaggio di Renzi a Riad in piena crisi di governo, dunque, secondo il sindaco dem riguarda la scelta di un momento e di circostanze poco adatte. Nulla da dire, invece, da parte del sindaco di Firenze, sulla decisione di Renzi di intervenire – da senatore in carica – in una conferenza dietro il pagamento del fondo sovrano dell’Arabia Saudita.

Né sulla scelta di farlo nonostante in Arabia Saudita i diritti umani vengano continuamente calpestati, e nonostante il Paese sia guidato da una figura, il principe saudita Mohammed bin Salman, accusata da un rapporto della Cia recentemente desecretato, di essere il mandante dell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, ucciso e fatto a pezzi nel consolato saudita a Istanbul nell’ottobre 2018.

Renzi, nel suo colloquio con il principe ereditario, citava l’Arabia Saudita come fautrice di un “nuovo Rinascimento”. Forse da Nardella, sindaco della città che è stata la vera culla del Rinascimento, sarebbe stato lecito aspettarsi qualcosa di più.

Leggi anche: 1. 5 domande a cui Matteo Renzi deve rispondere (a un giornalista) /2. Quella intervista esclusiva di Renzi a Renzi sul conflitto d’interenzi in Arabia Saudita (di Luca Telese) / 3. Omicidio Khashoggi, Renzi ribadisce che è “giusto avere rapporti con l’Arabia Saudita”

4. Omicidio Khashoggi, la fidanzata Hatice Cengiz a TPI: “Pensavo che l’Occidente si sarebbe battuto, invece ho trovato reticenza”/ 5. Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino)/ 6. Se Renzi vivesse in Arabia Saudita (di Selvaggia Lucarelli)

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Opinioni / Conte si liberi di Grillo e dia vita a una strada progressista (di M. Tarantino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Innovare la democrazia: la partecipazione diretta può salvare l’elettorato dal lockdown in cui è piombato (di M. Cappato)
Opinioni / I 9 giudici che tengono in scacco l’America: così da 250 anni la Corte Suprema è al servizio dell’ultra destra (di A. Stille)
Opinioni / Conte si liberi di Grillo e dia vita a una strada progressista (di M. Tarantino)
Opinioni / Medioevo americano: se a mettere in discussione i diritti delle donne sono gli uomini (di G. Gambino)
Opinioni / Lettera a tutte le comunità albanesi in Italia e in Europa (di A. Likmeta)
Opinioni / “Io, bollata come filo-putiniana da un parlamentare del Pd. La mia colpa? Aver fatto solamente il mio lavoro” (di V. Petrini)
Opinioni / “Si vince restando in piedi mentre gli altri cadono”: Tommasi ha fatto suo il teorema di Steven Bradbury (di L. Telese)
Opinioni / In ricordo di Gianluca Gasbarri: il fotografo che sapeva cogliere l’attimo attraverso il suo obiettivo
Opinioni / Ma a vincere è ancora una volta l’astensione: così il partito del non voto azzoppa la democrazia (di M. Ainis)
Opinioni / Perché i media ignorano i report sui palestinesi di Amnesty, Save the Children e gli altri? (di A. Di Battista)