Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Morto il padre dell’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano. Salvini: “Condoglianze sincere”

Di Anna Ditta
Pubblicato il 31 Gen. 2020 alle 21:19 Aggiornato il 31 Gen. 2020 alle 21:33
454
Immagine di copertina
Mimmo Lucano insieme al padre Roberto

Morto il padre dell’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano

È morto a Riace Roberto Lucano, padre di Domenico detto “Mimmo” Lucano, l’ex sindaco del centro del reggino noto per avere ospitato centinaia di migranti.

Il padre di Lucano aveva 93 anni ed era da tempo malato. Mimmo Lucano, dopo la revoca del divieto di dimora disposto nei suoi confronti nell’ambito dell’inchiesta “Xenia” per i presunti illeciti nella gestione dell’accoglienza dei migranti, era stato vicino al padre assistendolo nella sua malattia.

Roberto Lucano era stato per molti anni il maestro elementare del paese. Era riuscito a superare la grave crisi cardiaca che tra agosto e settembre aveva fatto temere per la sua vita, ma nelle ultime settimane le sue condizioni sono radicalmente peggiorate.

Quando le condizioni dell’anziano si sono aggravate, una petizione, che nel giro di un paio di giorni ha raccolto più di 90 mila firme, ha chiesto al presidente della Repubblica Mattarella un “gesto umanitario” per permettere a Lucano di far ritorno a casa.

Il rientro di Mimmo Lucano a Riace è stato poi possibile perché il Tribunale di Locri lo scorso 5 settembre su istanza dei legali dell’ex sindaco ha revocato il divieto di dimora nei suoi confronti.

Così negli ultimi mesi Roberto Lucano ha potuto contare sul supporto di Mimmo tornato a Riace dopo 11 mesi di esilio.

I funerali sono stati fissati per domenica prossima, 2 febbraio.

“Esprimo le mie condoglianze a Mimmo Lucano per la morte del suo papà. Le distanze politiche non siano alibi per nascondere sentimenti sinceri”, ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini.

Leggi anche:

Il padre di Mimmo Lucano è gravemente malato, l’appello di un comitato a Mattarella: “Sia revocato l’esilio”

454
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.