Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Sala sul candidato di centrodestra Bernardo: “Chi non ha il coraggio di dichiararsi antifascista è indegno di guidare Milano”

Immagine di copertina

Sala sul candidato di centrodestra Bernardo: “Chi non ha il coraggio di dichiararsi antifascista indegno di guidare Milano”

“Sono convinto in modo assoluto che chi non ha il coraggio di dichiararsi antifascista non sia degno di guidare la nostra città, Medaglia d’oro della Resistenza”, questo l’affondo di Beppe Sala sul candidato sindaco per il centrodestra a Milano Luca Bernardo, che ha dichiarato di “non distinguere fra fascisti e antifascisti ma tra le persone”. Dopo la notizia del possesso di un porto d’armi e della pistola che il primario di pediatria del Fatebenefratelli ha dichiarato di portare con sé in ospedale, il numero uno di Palazzo Marino aveva deciso di non alzare i toni ma invocare solo “massima trasparenza” da parte di tutti i candidati.

L’uscita di ieri di Bernardo, però, ha provocato il primo cittadino, che corre per un secondo mandato, perché ha messo in discussione valori considerati non negoziabili. “Il Dottor Bernardo è uno dei miei competitori all’elezione a sindaco di Milano. A lui e agli altri ho deciso di non rispondere mai. Porterò avanti le mie idee e poi decideranno i milanesi chi è più degno di guidare Milano fino al 2026”, ha scritto nel post condiviso sui social. “Ma in questa occasione non posso esimermi dal dire la mia. Certi valori non sono mode, sono il frutto del sacrificio di nostri concittadini per garantire la democrazia contro ogni forma di dittatura. Di cui godiamo anche oggi”.

“Non distinguo le persone tra fasciste e antifasciste, ma solo in base all’esperienza e la competenza. Falcone e Borsellino sono due eroi della nostra nazione e non solo”, queste le parole con cui ieri l’esponente di centrodestra ha commentato il caso del sottosegretario leghista Durigon,  che ha proposto di intitolare al fratello di Benito Mussolini il parco di Latina attualmente dedicato ai due magistrati caduti vittime della mafia.

Subito dopo anche la segretaria del Pd cittadino, Silvia Roggiani, aveva commentato le dichiarazioni dell’avversario. “È inaccettabile che il candidato del centrodestra per Milano, città medaglia d’Oro alla Resistenza, abbia difficoltà a definirsi un cittadino antifascista. Che queste ambiguità siano effetto di certe indegne simpatie nere venute fuori proprio in questi giorni in casa Lega? Se Bernardo è pronto a rinnegare i valori democratici e antifascisti sui cui si basa la nostra Costituzione per raccattare qualche voto, questo la dice lunga sul modello di politica che intende portare avanti. Anziché citare impropriamente le donne e gli uomini che hanno sacrificato la loro vita per liberare l’Italia dall’orrore nazifascista, chieda scusa ai milanesi e alla città di Milano per queste parole vergognose”, ha dichiarato l’esponente dem.

Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Politica / Morgan: “Sono anarchico, non fascista. Ho scritto alla Meloni perché non è snob”
Politica / Jova Beach Party, Salvini difende Jovanotti: “Va premiato, polemiche pseudo-ambientaliste”
Ti potrebbe interessare
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Politica / Morgan: “Sono anarchico, non fascista. Ho scritto alla Meloni perché non è snob”
Politica / Jova Beach Party, Salvini difende Jovanotti: “Va premiato, polemiche pseudo-ambientaliste”
Politica / Elezioni, l’ex procuratore antimafia De Raho tra i candidati sul tavolo di Conte
Politica / Renzi spera nel Terzo Polo ed è pronto a cedere il ruolo di leader a Calenda
Politica / Giorgia Meloni: “Morgan? Ogni tanto ci sentiamo, ma non sta scrivendo il programma di Fratelli d’Italia”
Politica / Tommaso Zorzi attacca Salvini: “Un idiota”. La replica del leghista: “Agli insulti rispondo con le idee”
Politica / Tg1, Crosetto a Bonini: “Faccia il conduttore, non la parte”. La risposta del giornalista | VIDEO
Politica / Meloni: “Se FdI ha più voti, il nome del premier è il mio”
Politica / Bonino: “Mantengo la parola e resto con Letta”. +Europa: “Valutiamo rottura federazione con Calenda”