Covid ultime 24h
casi +8.824
deceduti +377
tamponi +158.674
terapie intensive +41

Meloni a Carta Bianca, prima il siparietto sulla dieta poi la minaccia di andarsene: “Fatemi rispondere!”

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 16 Dic. 2020 alle 11:03 Aggiornato il 16 Dic. 2020 alle 11:04
662
Immagine di copertina

Carta Bianca, Meloni minaccia di andarsene | VIDEO

Nervosismo in diretta a “Carta Bianca” su Rai 3 tra la leader di FdI, Giorgia Meloni, e le giornaliste Bianca Berlinguer e Lucia Annunziata. “Io me ne vado. Fatemi rispondere. Io so rispondere alle domande, se mi date il tempo. Se mi parlate sopra diventa difficile. Mi avete fatto 8 domande in un minuto, mi fate rispondere?”, dice Giorgia Meloni in un momento di tensione in studio.

E pensare che la puntata era iniziata con una battuta sulla dieta. “Buonasera Meloni, la trovo molto dimagrita…”. Così Bianca Berlinguer ha accolto in studio Giorgia Meloni. ”È il nero che sfina…”, replica la leader di Fdi, che aggiunge sorridendo: ”Sfina il nero e anche la dieta…”. Nel corso dell’intervista, a cui ha partecipato anche Lucia Annunziata in collegamento, non è mancato però il confronto, piuttosto acceso.

“Lei dice di votare in primavera. E da qui alla primavera cosa si fa?’”, chiede la giornalista. “È falso il principio per cui se cade un governo e si va a votare, in quel periodo non c’è un governo. C’è un esecutivo che rimane in carica per l’attività ordinaria fino alle elezioni e fino all’incarico di un nuovo presidente del Consiglio che si presenta in Parlamento per ottenere la fiducia”, dice la leader di Fratelli d’Italia.

“La cosa che non funziona è fare dei provvedimenti confusi. Negli altri Paesi c’è stata una linea precisa. Da noi non c’è un modello. Hanno fatto il cashback e poi il governo si è arrabbiato perché la gente è andata a fare acquisti. Decidetevi: o gli acquisti vanno fatti o non vanno fatti…”, aggiunge la Meloni a Carta Bianca.

”Quando arriverà io il vaccino lo farò” sottolinea. “Lo faccio, ma penso che il problema sia capire che in Italia ci sia. Mentre discutiamo di come facciamo passare avanti i politici avanti per fare il vaccino, facciamo i nostri voli pindarici… Io lo farò quando me lo dice il mio medico di base”.

“Se Fdi dovesse superare la Lega, Matteo Salvini accetterebbe Giorgia Meloni premier del centrodestra?”, chiede Berlinguer. “Certamente sì, perché le regole sono sempre andate così da noi”, replica Giorgia Meloni. ”Ne sono sicura, come nel 2018 fui la prima ad andare da Mattarella a chiedere l’incarico per Salvini”, ricorda la leader di Fdi, che assicura: ”Il centrodestra sta insieme per scelta, ha una visione sostanzialmente compatibile”.

Quanto a una domanda sui rapporti tra Salvini e Renzi, risponde: “Non lo so, deve chiederlo a Salvini o Renzi, non vivo con loro. Credo che non ci siano particolari rapporti, questo mi dice sempre Salvini e non ho motivo di dubitarne. Poi, ripeto, sono domande che dovete fare a loro…”

”Per me Conte prima va a casa e meglio è...”. “Nell’attuale Parlamento Fdi è praticamente l’unico partito – avverte Meloni – che non ha mai votato la fiducia a Conte”. ”Semplicemente – ci tiene a precisare – ho paura di uno scenario nel quale arriva un governo uguale, riprendiamo Renzi… Ci mettiamo Di Maio al posto di Conte…Non credo che l’Italia si salvi così”. “Se c’è una cosa che il centrodestra ha dimostrato è che non stiamo insieme per impedire agli altri vincere le elezioni come fanno M5S e Pd. Non abbiamo dei dissensi ma delle volte abbiamo delle divergenze e abbiamo sempre trovato una soluzione comune”, conclude Giorgia Meloni ospite a Carta Bianca ieri sera.

Leggi anche: Sondaggi politici elettorali oggi 16 dicembre: crescono tutti i partiti del centrodestra, male Pd, M5S e Italia Viva

662
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.