Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Manifestazione Lega, Salvini ora ci ripensa per paura di assembramenti: “Meglio a luglio”

Immagine di copertina
Credit: Facebook Salvini

Matteo Salvini ritorna sulla manifestazione del 2 giugno e spiega come non sarà una vera e propria “piazza”. Sarà più una serie di “presidi in ogni città capoluogo di regione con i parlamentari”. Con queste parole, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, il leader della Lega comunica che “Una manifestazione di piazza vera ci sarà solo a inizio luglio. Del resto il 2 giugno cade nel periodo controllato e non c’erano dati epidemiologici sufficienti per far muovere le persone”.

Dalla grande piazza di centrodestra ai gazebo e sit-in in varie località italiane. Difficile contare sulla partecipazione di un intero popolo in un periodo simile, soprattutto quando vige il divieto di spostamento tra le regioni fino al 3 giugno. Questo Salvini lo sa bene e per questo motivo ha rimandato a luglio la data della manifestazione.

Sfumata la piazza del centrodestra unito il 2 giugno per dare “voce all’altra italia” quella che protesta contro il decreto rilancio e voleva farsi sentire. Così spiegava Salvini al termine dell’incontro con i vertici del centrodestra il 19 maggio: “Su richiesta dei tanti italiani che ci hanno scritto stiamo lavorando per trovarci insieme in piazza il 2 giugno a Roma, ovviamente con tutte le misure di sicurezza. Saremo senza bandiere ma a fianco degli italiani. Non è possibile che il decreto Rilancio ancora non sia stato pubblicato”.

Il 2 giugno itinerante del centrodestra era stato anticipato da Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia aveva dichiarato: “Il 2 giugno, insieme come centrodestra vogliamo, dare voce al dissenso degli italiani. Vogliamo dare voce a quell’Italia che non crede più nelle promesse di questo Governo” per poi sottolineare che su un vero e proprio punto di incontro fisico i tre leader del centrodestra stavano lavorando: “In momenti come questo bisogna far trottare la fantasia” e dividerla in presidi più piccoli e sparsi per i capoluoghi di regione italiani.

Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi vuole un uomo solo alla guida del centrodestra: tre i nomi riservati
Politica / Incontro tra Berlusconi, Salvini e Meloni: “Centrodestra compatto". Ma in Forza Italia scoppia il caso Gelmini
Politica / Aumenti bollette, Draghi annuncia nuovi provvedimenti per tutelare le fasce deboli
Ti potrebbe interessare
Politica / Berlusconi vuole un uomo solo alla guida del centrodestra: tre i nomi riservati
Politica / Incontro tra Berlusconi, Salvini e Meloni: “Centrodestra compatto". Ma in Forza Italia scoppia il caso Gelmini
Politica / Aumenti bollette, Draghi annuncia nuovi provvedimenti per tutelare le fasce deboli
Politica / Grillo difende il reddito di cittadinanza: “Una delle riforme sociali più importanti della storia”
Politica / Bilancio, governo approva documento programmatico: addio a Quota 100, più controlli sul Reddito di cittadinanza
Politica / Camera, il ritorno di Enrico Letta: standing ovation del Pd. “Non chiederemo il voto anticipato”
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”