Covid ultime 24h
casi +17.246
deceduti +522
tamponi +160.585
terapie intensive -22

Domani le consultazioni, ma Mattarella ha già preso una decisione fondamentale

Il presidente della Repubblica è pronto a delle consultazioni lampo: ecco perché

Di Marco Nepi
Pubblicato il 26 Ago. 2019 alle 08:24 Aggiornato il 10 Gen. 2020 alle 20:27
0
Immagine di copertina
Sergio Mattarella

È attesto per domani, martedì 27 agosto, il secondo giro di consultazioni al Quirinale: il presidente della Repubblica Sergio Mattarella vedrà nuovamente i partiti, nel tentativo di trovare una soluzione alla crisi politica.

PD e M5s si presenteranno al Colle presentando al capo dello Stato l’esito della difficile trattativa che stanno intrattenendo in questi giorni. C’è ancora stallo su molti punti, a cominciare dal nome del premier.

Il Movimento Cinque Stelle ha posto come condizione che il presidente del Consiglio sia ancora Giuseppe Conte. Zingaretti sembra però del tutto contrario a questa ipotesi.

Dalla decisione del segretario dem potrebbe dipendere la nascita o meno del governo giallorosso.

Una cosa che emerge dai retroscena dei principali quotidiani italiani, però, è che Mattarella ha già preso una decisione importantissima. È Repubblica, in particolare, a rivelarla.

Se entro domani pentastellati e dem  non avranno trovato un accordo chiaro e definito, non ci sarà più tempo per tergiversare. Il presidente della Repubblica, in quel caso, svolgerà consultazioni lampo, probabilmente anche di mezza giornata.

Saranno, a quel punto, delle consultazioni pro forma, svolte solo perché ormai sono state calendarizzate. Il capo dello Stato vedrà i rappresentanti dei gruppi parlamentari per un rapido colloquio e poi comunicherà la sua decisione: tornare subito al voto.

L’ipotesi più accreditata, a quel punto, sarebbe quella di un governo elettorale in carica solo per accompagnare il paese alle urne e occuparsi del disbrigo degli affari correnti.

Gli unici a poter evitare questo scenario sono Di Maio e Zingaretti: se arriveranno da Mattarella con un accordo siglato, sia sul programma sia sui nomi (a partire dal presidente del Consiglio), a quel punto il presidente della Repubblica avvierà le procedure per la formazione di un esecutivo giallorosso.

Il tempo però stringe, e Mattarella ha esaurito la pazienza: le urne sembrano sempre più vicine.

Mattarella consultazioni: il discorso dopo il primo giro di colloqui

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.