Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Manovra 2020, Psi e +Europa: “La Chiesa paghi l’Imu e restituisca 4 miliardi di euro”

Immagine di copertina
Foto: Pixabay

Emendamenti alla legge di Bilancio chiedono agli enti religiosi di pagare le tasse sugli immobili usati per attività commerciali di tipo ricettivo

Manovra 2020, Psi e +Europa: “La Chiesa restituisca 4 miliardi”

Il Partito Socialista Italiano e +Europa chiedono alla Chiesa e agli enti religiosi di pagare l’Imu sugli immobili usati per svolgere attività commerciali di tipo ricettivo e di versare allo Stato 4 miliardi di euro. La richiesta è stata avanzata di nuovo in questi giorni con emendamenti alla manovra economica 2020, che da inizio novembre è all’esame del Parlamento. A firmare le proposte di modifica alla legge di Bilancio sono stati il deputato di +Europa Riccardo Magi e il senatore del Psi Riccardo Nencini.

Nencini chiede anche che venga attuata la sentenza della Corte di Giustizia europea del 2018, “che ha ordinato il recupero dalla Chiesa dell’Imu arretrata dovuta alla Stato italiano per una cifra stimata in almeno 4 miliardi di euro”. “In una stagione complicata per i conti dello Stato – ha spiegato il senatore socialista in conferenza stampa alla Camera – pensiamo che tutti debbano fare la loro parte e lo chiediamo anche alla Chiesa”.

Le notizie di politica di TPI

Gli emendamenti firmati da Magi invece chiedono una revisione della normativa sull’8 per mille, in modo che vengano destinate allo Stato “per scopi di interesse sociale o di carattere umanitario” le quote per le quali i contribuenti non hanno specificato la destinazione e per far sì che possa essere pubblicizzata la possibilità di destinare allo Stato l’8 per mille. “Sono emendamenti semplici – ha detto il deputato di +Europa – di buon senso, che un legislatore dovrebbe adottare immediatamente, per eliminare privilegi fiscali che non hanno ragione di essere”. Per Nencini si tratta di proposte “di forte valenza politica e destinati ad incidere sui privilegi economici fino ad oggi concessi alla Chiesa Cattolica”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Letta: “Propongo un patto di legislatura con un Presidente super partes”
Politica / Quirinale, Renzi: “Pronti a votare candidato centrodestra, ma non Berlusconi”. E profetizza 3 scenari
Politica / Anteprima TPI – Mediaset sfida la Rai: pronto un programma d’inchiesta anti-Report
Ti potrebbe interessare
Politica / Quirinale, Letta: “Propongo un patto di legislatura con un Presidente super partes”
Politica / Quirinale, Renzi: “Pronti a votare candidato centrodestra, ma non Berlusconi”. E profetizza 3 scenari
Politica / Anteprima TPI – Mediaset sfida la Rai: pronto un programma d’inchiesta anti-Report
Cronaca / Quirinale, il centrodestra candida Berlusconi e gli chiede di sciogliere la riserva: “È la figura adatta”
Politica / Il Tar del Lazio boccia la Cartabia: stop ai commissari per l’Ordine dei commercialisti
Politica / Tutte le spese di Palazzo Chigi: ecco i ministeri con più fondi
Politica / Dalla Stella Alpina a Italexit: ecco i partiti ammessi al 2 per mille (e quelli esclusi)
Politica / Altro che candidati di alto profilo: ecco la lista degli improponibili per il Quirinale
Politica / La mossa di Draghi per ottenere il Quirinale: promette ai partiti libertà assoluta sulla scelta del suo sostituto
Politica / “Ciao, sono quello del bunga bunga”: le telefonate di Berlusconi per farsi eleggere al Quirinale