Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

M5S: Di Maio, Raggi e Fico in lizza per il comitato di garanzia di Conte

Immagine di copertina
Giuseppe Conte. Credit: ANSA/MATTEO CORNER

I soliti bene informati sono pronti a scommettere che per il comitato di garanzia M5s, i nomi a entrare saranno quelli di Roberto Fico, Luigi Di Maio e Virginia Raggi. Gli iscritti voteranno domani, i nomi dei fortunati si sapranno in tarda serata e in lizza, pronti a vigilare sulla corretta applicazione del nuovo statuto e sull’operato del presidente Giuseppe Conte sono in sei, indicati da Beppe Grillo: oltre al Presidente della Camera, al Ministro degli Esteri e alla Sindaca di Roma, c’è la deputata Carla Ruocco, l’Europarlamentare Tiziana Beghin e il consigliere umbro Andrea Liberati. Ma giovedì prossimo ci sarà anche un’altra votazione, quella per decidere a chi devolvere le restituzioni dei parlamentari. A 48 ore dal voto però non c’è ancora alcun dettaglio in merito. Pare infatti che i parlamentari non riescano a mettersi d’accordo.

Conte, ad esempio, aveva dichiarato che avrebbe voluto devolvere questi fondi agli afgani. Ci sarà questa opzione nel voto di giovedì o il neo presidente verrà smentito? Altra tegola: il fondo racchiude anche le restituzioni dei parlamentari espulsi che in diverse occasioni hanno diffidato il Movimento 5 Stelle a procedere alla votazione e a non usare questi fondi per altri motivi. Per diversi mesi, a causa dei mancati versamenti dei parlamentari, si ventilava la possibilità di utilizzare questi soldi per la struttura di Conte che richiederebbe milioni di budget a fronte invece del milione e 300 mila euro usato durante la gestione Rousseau per un’infrastruttura totalmente digitale. Per questo motivo infatti è stato chiesto ai parlamentari e regionali di versare più del triplo dei soldi ossia mille euro al posto dei 300 euro versati a Rousseau, ma con scarsi risultati tanto da prevedere la presenza di Conte solo nelle regioni nelle quali i parlamentari fossero stati in regola. Infine la domanda delle domande: che fine hanno fatto i fondi delle restituzioni delle recenti votazioni? Sono stati devoluti? Se sì a chi? Prima di votare i grillini vorrebbero risposte. Anche perché “in passato la piattaforma Tirendiconto consentiva di avere un quadro completo di come venivano spesi questi fondi mentre ora non è più così”.

Ti potrebbe interessare
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Politica / “Caro Pd, o cambi o ti estinguerai”: viaggio nei circoli dem di Roma dopo la debacle elettorale
Ti potrebbe interessare
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Politica / “Caro Pd, o cambi o ti estinguerai”: viaggio nei circoli dem di Roma dopo la debacle elettorale
Politica / Gas, Meloni: “La priorità è fermare la speculazione”. La Farnesina convoca l’ambasciatore russo
Politica / La madre di Giorgia Meloni contro Rula Jebreal: “Si vergogni di attaccare mia figlia usando la storia del padre”
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Politica / Ecco l’Italia di Giorgia: viaggio tra i sostenitori di Meloni
Politica / Governo, Berlusconi: "Massima comunità d’intenti nel centrodestra". Lega, lo strappo di Bossi
Politica / Bertinotti a TPI: “Il Pd deve sciogliersi. La sinistra riparta dalle ceneri. O non sarà”