Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:51
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

La Lega non vota il decreto riaperture, gelo di Draghi: “Prendiamo atto, è un precedente grave”

Immagine di copertina

Lo scontro sulla richiesta di slittamento dell’orario del coprifuoco si è trasformato ieri in una vera (piccola) crisi di governo che potrebbe avere risvolti inaspettati. Il primo è stato certamente l’esito della votazione sul Dl Covid: alla fine la Lega non ha votato il provvedimento proprio a causa dell’orario del coprifuoco e di alcune restrizioni ritenute dal Carroccio “illogiche”.

A raccontare il retroscena di un pomeriggio che si potrebbe definire imbarazzante è Repubblica. “Tutto accade molto in fretta, in Consiglio dei ministri. E anche un po’ a sorpresa, visto quanto succede poco prima nel corso della ristretta tra il premier e i capi delegazione. Draghi ascolta le ragioni contrapposte dei leghisti e di Roberto Speranza. Il ministro della Salute ricorda che il coprifuoco alle 22 è un pilastro del nuovo testo, che serve a bilanciare le riaperture e ad ammortizzare i rischi sanitari”.

“Abbiamo deciso insieme”. Giancarlo Giorgetti insiste. A quel punto il capo del governo stronca il dibattito. “Gli accordi si rispettano. Avevamo un’intesa unanime, altrimenti il metodo diventa inaccettabile. Abbiamo già fatto tanto, ci siamo assunti una responsabilità con queste misure. Se tocchiamo l’impianto, non troviamo più un punto di equilibrio. Si porta in Consiglio questo testo, senza modifiche”.

Ma al momento del voto è Giorgetti a dover allargare le braccia e confermare che la linea resta quella stabilita da Matteo Salvini: la Lega non ci sarà. Cala il gelo. Forza Italia tace, la renziana Elena Bonetti pure. Si va avanti con altri interventi fino a quando Franceschini rompe il silenzio e torna sull’accaduto: “Scusate, ma non si è mai visto che su un decreto così importante una forza di maggioranza non partecipi al voto. Anche perché parliamo di un testo definito da parte di tutti, in cui ciascuno ha ceduto qualcosa. Crea un precedente grave”. Giorgetti non replica, si limita ad allargare le braccia. I gesti, ancora. Riprende la parola Draghi, lapidario, “prendiamo atto, è un precedente grave”. Pausa. “Prendiamo atto, è molto grave”. Il premier sceglie la fermezza. Non può accettare che si mortifichino decisioni prese in un vertice a cui ha partecipato anche il Carroccio.

Questa volta alle promesse sono seguiti i fatti e la Lega non ha ceduto. Il leader Salvini chiedeva più coraggio e così non si è accontentato. Ma quali sono le sue reali intenzioni? Il testo del decreto era condiviso e il voto di ieri sembra orientare i rapporti con la maggioranza, di cui fa parte, verso un’altra direzione. Vuole sganciarsi dall’esecutivo? Sempre nella giornata di ieri Salvini aveva detto di essere “fedele a Draghi”ma si sa, è il periodo in cui queste fedeltà durano poco. Il primo appuntamento valido è quello della mozione di sfiducia a Speranza. Il primo banco di prova di questo governo.

Leggi anche: 1. Riaperture, Gelmini: “Più di 11 regioni verso il giallo. Coprifuoco? Ascoltato il Cts, sarà tolto per gradi”/2. Come funziona l’autocertificazione in attesa del pass vaccinale /3. Estate 2021: in spiaggia con le regole Covid del 2020. Ecco cosa prevedono

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Lega, in Lombardia avanza la corrente di Bossi: tre consiglieri lasciano Salvini e creano un nuovo gruppo
Politica / Manovra, emendamento maggioranza cancella il bonus cultura ai 18enni. Fondi riversati su spettacoli e libri
Politica / Giorgia Meloni è “La Duce” nella classifica di Politico. Prima tra i “cattivi” d’Europa
Ti potrebbe interessare
Politica / Lega, in Lombardia avanza la corrente di Bossi: tre consiglieri lasciano Salvini e creano un nuovo gruppo
Politica / Manovra, emendamento maggioranza cancella il bonus cultura ai 18enni. Fondi riversati su spettacoli e libri
Politica / Giorgia Meloni è “La Duce” nella classifica di Politico. Prima tra i “cattivi” d’Europa
Politica / Migranti, Macron aspetta una visita di Meloni a Parigi ma Palazzo Chigi smentisce: “Per ora nessun invito”
Politica / Liliana Segre denuncia Chef Rubio per minacce online
Politica / Dietrofront di Conte per il bonus pc e tablet ai deputati: “Regaliamoli alle scuole”
Politica / Minacce Meloni, Ronzulli: “Falsità su Reddito cittadinanza, stanno armando piazze”
Politica / Regionali Lazio, “Così il Pd danneggia D’Amato. Le nomine per gli enti sui rifiuti lo dimostrano”. Parola di Montino (Pd)
Politica / Minacce di morte a Giorgia Meloni e sua figlia: indagato l'autore del post
Politica / “È diritto di critica”: TPI e Vladimir Luxuria assolti dall’accusa di aver diffamato il Congresso delle Famiglie