Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

A casa senza stipendio: per l’Inps la quarantena non è più malattia. “Il governo non ha previsto fondi”

Immagine di copertina

A casa senza stipendio: per l’Inps la quarantena non è più malattia

Ad agitare il mondo del lavoro nell’estate della quarta ondata di Covid-19 non è solo il dibattito sull’obbligo di Green pass, ma anche l’assenza dal luogo di lavoro per quarantena, che nel 2021 non sarà più equiparata al ricovero ospedaliero per i più fragili e non verrà considerata malattia come avvenuto fino a dicembre del 2020.

L’Inps, attraverso una nota inviata il 6 agosto 2021, ha infatti fatto chiarezza sulle tutele per i lavoratori fragili del settore privato attualmente in vigore in periodo di pandemia. L’Istituto di previdenza ha dato il via libera allo smart working fino al 31 ottobre 2021, ma la quarantena non sarà più indennizzata come un qualsiasi periodo di malattia: verrà insomma considerata un’assenza a tutti gli effetti.

“L’Inps conferma che, riguardo all’indennità previdenziale di malattia in caso di quarantena, procederà al definitivo riconoscimento degli importi dovuti per il 2020 basandosi sulle certificazioni attestanti la quarantena con isolamento fiduciario redatte dai medici curanti, anche nei casi in cui non sia stato possibile reperire alcuna indicazione sul provvedimento emesso dall’operatore di sanità pubblica”, si legge nella nota.

“Tuttavia, poiché per il 2021 il legislatore non ha stanziato nuove risorse, l’indennità non potrà essere erogata anche per gli eventi avvenuti nell’anno in corso. Riguardo ai lavoratori “fragili”, la cui assenza dal lavoro è equiparata a ricovero ospedaliero, l’Istituto erogherà la prestazione relativamente ad eventi del 2020 e solo per quelli verificatisi fino al 30 giugno 2021, anche se il decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105 ha differito al 31 ottobre 2021 il diritto riconosciuto ai lavoratori fragili di svolgere l’attività lavorativa in smart working”, chiarisce l’istituto di previdenza.

Il motivo è che, a differenza di quanto previsto dal decreto Cura Italia varato a marzo del 2020 – che aveva introdotto l’equiparazione delle tutele per malattia a quelle dei periodi di assenza da lavoro dovuti all’isolamento, stanziando 663,1 milioni di euro – l’attuale esecutivo non ha previsto fondi per coprire la quarantena anche nel 2021, e le risorse messe a disposizione dal Conte bis si sono esaurite a dicembre scorso. Come riporta il Fatto Quotidiano, a poco sono servite le note inviate dall’Inps al Ministero dell’Economia e del Lavoro.

La conseguenza è che adesso i lavoratori costretti ad osservare la quarantena perché risultati positivi al virus o perché entrati in contatto con un positivo, potrebbero arrivare a perdere fino a metà dello stipendio se il periodo previsto è di 14 giorni, restando a casa senza contributi. La bomba potrebbe esplodere a settembre se i casi di Coronavirus aumenteranno, a meno che il governo Draghi non decida di correre ai ripari con un nuovo decreto.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il leader dei Gilet Arancioni Pappalardo si candida: “Fuori dalla Nato e ritorno alla lira italica in 48 ore”
Politica / Accordo Calenda-Renzi, è quasi fatta: “Si pensa a liste e simboli”
Politica / Casalino: “Non mi candido per proteggere Conte. Per la gente sono ancora l’ex Grande Fratello”
Ti potrebbe interessare
Politica / Il leader dei Gilet Arancioni Pappalardo si candida: “Fuori dalla Nato e ritorno alla lira italica in 48 ore”
Politica / Accordo Calenda-Renzi, è quasi fatta: “Si pensa a liste e simboli”
Politica / Casalino: “Non mi candido per proteggere Conte. Per la gente sono ancora l’ex Grande Fratello”
Politica / Tabacci: “Di Maio? È il mio figlio politico. Con il Pd siamo gli interpreti dell’agenda Draghi”
Politica / Di Battista spiega perché non si candida con il M5S: “Grillo padre padrone, sotto di lui non ci sto”
Politica / La strategia di Meloni: “È in vantaggio, ad agosto meglio stare in silenzio e non disturbare la gente”
Politica / Altro che agenda Draghi: il prossimo governo dovrà attuare 434 decreti lasciati in sospeso dai migliori
Politica / Elezioni 2022, De Masi smentisce le voci su una possibile candidatura: “Non correrò con M5S”
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”