Covid ultime 24h
casi +13.633
deceduti +472
tamponi +264.728
terapie intensive -28

Incontro tra Salvini e Di Maio per scongiurare la crisi di governo

C'è grande attesa per il faccia a faccia tra i due vicepremier

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 19 Lug. 2019 alle 16:07 Aggiornato il 19 Lug. 2019 alle 16:09
0
Immagine di copertina

Crisi governo: incontro tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio

C’è grande attesa per l’incontro tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, che dovrebbe definitivamente scongiurare la crisi di governo.

Dopo le indiscrezioni circolate nella serata di giovedì 18 luglio, che davano Matteo Salvini pronto a rassegnare le dimissioni al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, era stato lo stesso ministro dell’Interno a smentire la possibile rottura aggiungendo, però, che “se le cose si fanno si va avanti, altrimenti si va a casa”.

Crisi governo: le ultime news sulla tenuta della maggioranza

L’ipotesi di un’apertura di una crisi è stata poi smentita anche dal capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio che, intervenuto nella mattinata di venerdì 19 alla trasmissione Agorà Estate, ha dichiarato: “Escludo che possa esserci una crisi mi hanno sempre insegnato male non fare paura non avere: abbiamo da realizzare riforme importanti”.

“L’unica cosa che dico – ha continuato poi Di Maio – è che è meglio vedersi, anzichè parlarsi, è giusto che ci incontriamo, chi chiariamo e andiamo avanti”.

Interpellato poi sulla questione dei presunti fondi russi alla Lega, Di Maio ha dichiarato: “Se avessi sospetti su Salvini non sarei al governo”.

A stretto giro, è arrivata la risposta di Matteo Salvini che, attraverso una nota, ha affermato: “Con Di Maio ci vedremo sicuramente, ma il problema non è lui, ma la politica dei no e dei blocchi di molti dei 5 Stelle”.

Il ministro dell’Interno poi ha continuato: “Niente di personale, Luigi Di Maio è persona corretta e perbene, ma sono inaccettabili i no e i blocchi quotidiani di opere e riforme da parte dei 5S”.

Il leader della Lega è poi entrato nello specifico, accusando in particolare due ministri e facendo intendere che l’argomento al centro del loro incontro potrebbe essere un possibile rimpasto di governo.

“Ieri Toninelli che blocca la Gronda di Genova, che toglierebbe migliaia di auto e di tir dalle strade genovesi. Oggi Trenta che propone di mettere in mare altre navi della Marina, rischiando di attrarre nuove partenze e affari per gli scafisti” ha attaccato Salvini nella sua nota.

Basterà il faccia a faccia tra i due per risolvere i problemi interni all’esecutivo?

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.