Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Eletto il primo sindaco leghista in Sardegna. Ma era l’unico candidato e ha preso 444 voti

Immagine di copertina

Illorai primo sindaco Lega Sardegna | A Illorai, piccolo paese sardo in provincia di Sassari, le elezioni comunali di domenica 16 giugno 2019 sono state vinte dalla Lega. Tittino Sebastiano Cau ha vinto, guadagnando 444 voti. Ma era l’unico candidato.

Cau si è presentato con la lista civica “Fermiamo lo spopolamento”.

Lo stesso Salvini si è congratulato con il neo primo cittadino:

Illorai, nell’entroterra sardo, era uno dei nove paesi al voto in cui era presente una sola lista in corsa.

A Cau, è bastato raggiungere il quorum per diventare il primo sindaco leghista di un comune della Sardegna. Il paese conta 833 abitanti.

Anche Eugenio Zoffili, coordinatore della Lega in Sardegna e deputato, si è congratulato con Tittino Cau.

“È una grande soddisfazione per il nostro movimento, Illorai è un paese simbolo della nostra azione politica tra la gente in Sardegna: dai 2000 abitanti degli anni 50, ora purtroppo ridotti a 850 residenti, festeggiamo il nostro primo sindaco leghista, Tittino Cau, meccanico e agricoltore”, ha scritto Zoffili.

“Da Illorai con il nostro nuovo sindaco parte il progetto della Lega contro lo spopolamento dell’ Isola, con iniziative concrete che sottoporremo a tutti i sindaci sardi, al nostro Governatore Solinas e al Governo di Roma”, ha proseguito.

Ti potrebbe interessare
Politica / La Russa: “È vero, a casa ho un busto di Mussolini. Me l’ha lasciato mio padre, perché dovrei buttarlo?”
Politica / Valditara: “Lo Stato difenderà gli insegnanti aggrediti a scuola”
Politica / Sanremo, Salvini: “Non mi dispiace che non ci sia Zelensky”
Ti potrebbe interessare
Politica / La Russa: “È vero, a casa ho un busto di Mussolini. Me l’ha lasciato mio padre, perché dovrei buttarlo?”
Politica / Valditara: “Lo Stato difenderà gli insegnanti aggrediti a scuola”
Politica / Sanremo, Salvini: “Non mi dispiace che non ci sia Zelensky”
Politica / Quanto guadagna il presidente della Repubblica Sergio Mattarella | Stipendio
Politica / Ita Airways, Italia Viva-Azione chiedono chiarezza su True Italian Experience
Politica / Nuovo Codice degli appalti: sparisce la parità di genere. L’iniziativa de Le Contemporanee
Politica / Meloni: “Nessun presupposto per le dimissioni di Donzelli e Delmastro. Abbassiamo i toni”
Politica / Ilaria Cucchi va a trovare Alfredo Cospito: “Dopo mio fratello nessun altro deve morire di carcere”
Politica / Paola De Micheli a TPI: “Alla sinistra serve un nuovo umanesimo”
Politica / Lettera aperta a Beppe Grillo da un’elettrice delusa: “L’ennesimo partito imborghesito non ci interessa”