Me
HomePolitica

Eletto il primo sindaco leghista in Sardegna. Ma era l’unico candidato e ha preso 444 voti

Di Laura Melissari
Pubblicato il 17 Giu. 2019 alle 19:15 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 01:10
Immagine di copertina

Illorai primo sindaco Lega Sardegna | A Illorai, piccolo paese sardo in provincia di Sassari, le elezioni comunali di domenica 16 giugno 2019 sono state vinte dalla Lega. Tittino Sebastiano Cau ha vinto, guadagnando 444 voti. Ma era l’unico candidato.

Cau si è presentato con la lista civica “Fermiamo lo spopolamento”.

Lo stesso Salvini si è congratulato con il neo primo cittadino:

Illorai, nell’entroterra sardo, era uno dei nove paesi al voto in cui era presente una sola lista in corsa.

A Cau, è bastato raggiungere il quorum per diventare il primo sindaco leghista di un comune della Sardegna. Il paese conta 833 abitanti.

Anche Eugenio Zoffili, coordinatore della Lega in Sardegna e deputato, si è congratulato con Tittino Cau.

“È una grande soddisfazione per il nostro movimento, Illorai è un paese simbolo della nostra azione politica tra la gente in Sardegna: dai 2000 abitanti degli anni 50, ora purtroppo ridotti a 850 residenti, festeggiamo il nostro primo sindaco leghista, Tittino Cau, meccanico e agricoltore”, ha scritto Zoffili.

“Da Illorai con il nostro nuovo sindaco parte il progetto della Lega contro lo spopolamento dell’ Isola, con iniziative concrete che sottoporremo a tutti i sindaci sardi, al nostro Governatore Solinas e al Governo di Roma”, ha proseguito.