Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Circolare sull’esercito? I soldati devono essere pronti, è il contesto attuale a richiederlo”. Guerini risponde alle polemiche

Immagine di copertina

Dopo le polemiche sulla circolare dello Sato Maggiore circolata il 9 marzo, in un’intervista al Corriere della Sera il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha risposto alle domande sull’aumento delle spese militari e sull’impegno dell’Italia in guerra. È stato proprio Guerini infatti, a chiedere l’aumento delle spese militari al 2% del Pil votato l’altroieri alla Camera e approvato a larga maggioranza, con 391 voti favorevoli su un totale di 421 presenti.

“Delle Forze armate moderne e efficienti rappresentano una garanzia per i cittadini in primis,” spiega il ministro. “E il contesto attuale lo richiede ancora di più. Il Paese deve poter contare su uno strumento militare capace di difenderlo da tutte le forme di rischi e la Camera ha deciso di incentivare in tempi rapidi il conseguimento di questo obiettivo.”

“L’Italia è un Paese importante dell’Alleanza e su assume le sue responsabilità,” prosegue Guerini, sottolineando che in Lettonia siamo presenti con 250 unità, in Romania conduciamo attività di sorveglianza degli spazi aerei atlantici con 8 Eurofighter e prosegue il nostro impegno navale anche nel Mediterraneo orientale.”

“Siamo disponibili a rafforzare le misure di rassicurazione dei paesi più esposti sul fianco sud-est. Per questo ho intensificato le interlocuzioni con l’Ungheria, dove parteciperemo a esercitazioni congiunte.” Queste, secondo Guerini, le misure necessarie per contribuire al rafforzamento della deterrenza in conseguenza delle scelte di Putin. “La Nato è un’alleanza difensiva, non una minaccia. Chi racconta il contrario dice una bugia,” ha tenuto a precisare il ministro.

Per il capo della Difesa la no-fly zone non è la soluzione al problema in quanto “allargherebbe drammaticamente il conflitto” mentre la soluzione starebbe nel percorso già avviato: pesanti sanzioni alla Russia e sostegno materiale, anche con l’invio di armamenti, all’Ucraina, per costringere Putin a negoziare.

“Putin credeva in un’Alleanza debole ma ha sbagliato i suoi calcoli e una vittoria strategica ora per lui non è più possibile,” spiega Guerini. “Continueremo a stare accanto al popolo ucraino. L’Occidente sta aiutando l’Ucraina nella difesa della sua sovranità e nella resistenza all’invasione. E continuerà a farlo”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”