Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Toninelli (M5S) a Tpi: “L’unico responsabile della crisi è Draghi. Alleanza con il Pd? Deciderà Conte”

Toninelli: “Il responsabile della crisi è Draghi”

“Il responsabile della crisi di governo è Mario Draghi, qualunque rappresentante del consiglio al suo posto e con quei numeri non si sarebbe dimesso”, così il senatore del M5S Danilo Toninelli a Tpi a margine del voto in Aula a Palazzo Madama che ha visto il premier incassare la fiducia con numeri risicati, dopo la decisione di Forza Italia, Lega e M5S di non partecipare alla chiama.

Tramonta così, con 95 voti favorevoli, l’era dell’ex Bce chiamato a risollevare il Paese dopo lo shock pandemico, e con lei l’intera legislatura, che ha visto alternarsi a scadenza di circa 18 mesi l’uno tre governi differenti e di diversa composizione. Secondo l’ex ministro dei Trasporti il peso di questo epilogo ricade sulle spalle del presidente del Consiglio.  “Si è dimesso con il 70 per cento dei voti parlamentari che ha ottenuto con la fiducia sul decreto aiuti, mai visto nella storia repubblicana una cosa di questo tipo, anzi aveva il 90 per cento perché noi non avevamo votato contro”, dice Toninelli fuori dal Senato.

“Quindi a domanda chi è il responsabile della crisi la risposta è scontata, ha un nome è cognome, è Mario Draghi, perché qualunque rappresentante del Consiglio non si sarebbe dimesso. Noi avevamo detto di aver fiducia in lui ma che non votavamo semplicemente perché il dl aiuti conteneva due o tre porcherie. Per coerenza non l’abbiamo votato”.  Per Toninelli anche il discorso pronunciato da Draghi per chiedere un nuovo voto sulla fiducia non è stato convincente.

“Oggi Draghi ha detto che il reddito quando non va bene è cattivo, e invece va sempre bene: se riesci ad attivare i centri per l’impiego il percettore del reddito diventa un lavoratore e ne beneficia chi lo assume. Ha detto che il problema della cessione del credito siamo noi che lo abbiamo scritto”. Sul possibile campo largo con il Pd, ha affermato: “Deciderà Conte”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”