Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Salvini, la Rai censura i legami con Strache, dimessosi in Austria per i rapporti con la Russia

Immagine di copertina
Salvini e Strache

Governo news Salvini – Sull’edizione cartacea del Fatto Quotidiano di  martedì 21 maggio viene riportato un caso di censura da parte dei giornali radio Rai.

Protagonista, manco a dirlo, è il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Domenica 20, nell’edizione del GR 3 delle 8.45, si parla delle dimissioni del vicecancelliere austriaco Heinz-Christian Strache e, tra le altre cose, si fa riferimento ai suoi stretti rapporti con Matteo Salvini.

Una questione spinosa, poiché le dimissioni di Strache sono arrivate in seguito alla pubblicazione di un video in cui l’ex vicecancelliere si dice disponibile ad accettare soldi russi in cambio di favori alla nipote di un oligarca vicino al presidente Vladimir Putin.

In un momento del genere, insomma, essere grandi amici di Strache non è proprio una medaglia al valore. Devono quindi essersene accorti anche nelle redazioni dei giornali Radio poiché, come segnalato al Fatto dalla deputata PD Lia Quartapelle, i riferimenti al rapporto Strache-Salvini sono spariti nei giornali radio successivi a quello delle 8.45.

Attenzione, non è sparito il servizio, che è andato in onda anche sul GR1 delle 9. In quel caso però, erano spariti tutti i riferimenti a Salvini.

Si continuava a parlare di Strache, ma al posto dei rapporti col leader della Lega comparivano quelli con Marine Le Pen.

Del ministro dell’Interno non c’era più alcuna traccia. “Alle 9 sono rimasti i legami con la Le Pen ma non con Salvini, sebbene è evidente che i telespettatori italiani siano molto più interessati a un partito italiano che francese”, dice Quartapelle.

“Del nuovo corso sovranista di tanti notiziari pubblici si è detto e scritto molto – chiosa il Fatto – Ognuno de quali, è proprio il caso di dirlo, ha il suo taglio, a seconda del grado di vicinanza del direttore di turno al vicepremier leghista”.

Il commento: Austria, quando Strache ha fatto crack

Chi è Heinz-Christian Strache, l’ex vice cancelliere con legami con la Russia

Ti potrebbe interessare
Politica / Marta Cartabia premier e Mario Draghi al colle: il piano di Giorgetti per non andare al voto
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Ti potrebbe interessare
Politica / Marta Cartabia premier e Mario Draghi al colle: il piano di Giorgetti per non andare al voto
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)
Politica / La "trappola" di Berlusconi: convincere Meloni a entrare nel partito unico
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Politica / Salvini: “Ora liberiamo gli italiani dall’obbligo della mascherina”