Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il governo Draghi rimarrà in carica “per il disbrigo degli affari correnti”: cosa significa

Immagine di copertina

Il governo Draghi rimarrà in carica “per il disbrigo degli affari correnti”: cosa significa

Mario Draghi rimarrà in carica anche dopo le dimissioni irrevocabili presentate oggi a Sergio Mattarella, dopo la giornata convulsa di ieri al Senato. Il presidente della Repubblica ha infatti accettato il passo indietro del capo dell’esecutivo con la precisazione di rito che “il governo rimane in carica per il disbrigo degli affari correnti”.

La formula viene usata per indicare l’attività di un governo dimissionario prima dell’entrata in vigore di un nuovo esecutivo ma non è definita dal punto di vista costituzionale. Secondo la dottrina, indica genericamente che il governo si occuperà di gestire l’ordinaria amministrazione e di rispondere a situazione straordinarie, come una catastrofe naturale, senza prendere decisioni discrezionali che possano avere ricadute sul futuro governo.

A definire il perimetro dell’azione del governo Draghi sarà un’apposita direttiva della presidenza del Consiglio dei ministri. In base alla prassi, il governo non potrà esaminare nuovi disegni di legge a meno di chiari obblighi internazionali. Non potrà inoltre approvare decreti legislativi, se non per evitare la scadenza, o adottare nuovi regolamenti, a meno che non siano previsti dalla legge o da obblighi internazionali. Infine non potrà procedere a nuove nomine, a meno che non siano rimandabili o in presenza di scadenze previste da leggi o regolamenti.

Il governo può invece emanare decreti legge nei casi di necessità e urgenza, come previsto dall’articolo 77 della Costituzione, e ha anche la possibilità di esaminare i disegni per la conversione dei decreti.

Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, il capo gabinetto di Gualtieri si dimette dopo la diffusione di un video shock
Politica / Giorgia Meloni: “Orgogliosi della fiamma, se fossi fascista lo direi”
Politica / Il M5S pubblica la lista dei candidati: Conte capolista in 4 regioni per la Camera
Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, il capo gabinetto di Gualtieri si dimette dopo la diffusione di un video shock
Politica / Giorgia Meloni: “Orgogliosi della fiamma, se fossi fascista lo direi”
Politica / Il M5S pubblica la lista dei candidati: Conte capolista in 4 regioni per la Camera
Politica / La peggior legge elettorale di sempre? Ecco perché il Rosatellum allontana i cittadini dalla politica
Politica / Stanlio & Broglio: ecco cosa c’è dietro il matrimonio d’interessi fra Calenda e Renzi
Politica / Crosetto a TPI: “La nostra fiamma è Giorgia Meloni, con lei Fdi arriverà al 30%. Io premier? Mai”
Politica / Covid, Renzi attacca Letta: "Noi con Draghi e Figluolo, tu con Arcuri e i russi"
Politica / Morto Niccolò Ghedini, senatore e avvocato storico di Silvio Berlusconi
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione