Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

Giuseppe Sala: “Smart working non è normalità. Come vivono le persone se la città è vuota?”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 14 Lug. 2020 alle 17:06 Aggiornato il 14 Lug. 2020 alle 17:40
1k
Immagine di copertina
Il sindaco di Milano Beppe Sala

“È evidente che una parte della città è ferma perché qualcun altro non lavora in presenza. Capisco che c’è una necessità di smart working, però non consideriamola normalità. Se dovessimo considerarlo normalità dovremmo ripensare interamente la città e ripensare la città richiede tempo”.

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, torna a parlare dello smart working. In queste settimane, il sindaco si è più volte espresso sul tema, scatenando non di rado anche diverse polemiche. A fine giugno Sala affermava: “A mio giudizio oggi è il momento di tornare a lavorare perché l’effetto grotta per cui siamo a casa e prendiamo lo stipendio ha i suoi pericoli”.

Ultimamente il primo cittadino ha fatto parlare di sé anche per le considerazioni sulla disparità di costo della vita tra nord e sud Italia, pronunciate il 9 luglio durante una diretta Facebook organizzata dai giovani del Partito Democratico sotto l’etichetta InOltre-Alternativa Progressista. Il sindaco aveva spiegato che, a suo parere, è “intrinsecamente sbagliato” che, ad esempio, un dipendente pubblico a parità di ruolo e funzione guadagni lo stesso stipendio a Milano e a Reggio Calabria.

Questa volta Sala è intervenuto ai microfoni di Sky TG24:  “Mi dicono che difendo bar e ristoranti, certo che li difendo, ma non penso solo a loro, penso ai taxi, a tutto il mondo dello spettacolo, gente che normalmente non ha un contratto a tempo indeterminato, vive se lavora. Che cosa fanno queste persone se la città è vuota?”.

Leggi anche: Beppe Sala a TPI: “Se tornassi indietro, parlerei di meno. Non so se mi ricandido a sindaco di Milano”

1k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.