Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

La generazione dei senza pensione: precari oggi, poveri domani

Immagine di copertina

Sulle pensioni l’Italia ha un grande problema: la precarietà e i bassi salari di oggi si tradurranno domani in assegni da fame. Benvenuti nella generazione dei Quota Zero

Giuliana ha 40 anni: è una grafica freelance e guadagna una miseria. L’affitto di casa glielo paga suo padre, Carlo, ex dipendente pubblico, baby pensionato da quando ha 41 anni. Per Gaia la pensione è una prospettiva poco rassicurante: ci andrà nel 2049, quando sarà quasi 68enne, con un assegno da appena 950 euro al mese. Il problema è che anche il fidanzato di Gaia, Paolo, operaio metalmeccanico a tempo indeterminato, ha ben poco da stare allegro: se tutto andrà bene e se la sua fabbrica non chiuderà, potrà andare in pensione non prima dei 65 anni con un assegno da 1.300 euro. Poi c’è Maurizio, fratello minore di Paolo, che si è appena iscritto all’università: facoltà di Giurisprudenza. Diventerà avvocato ma, nella giungla che oggi è diventato il settore forense, guadagnerà talmente poco che alla fine ripiegherà su una carriera da impiegato, rinunciando a esercitare la professione. E rigorosamente con contratti per lo più a tempo determinato. Maurizio in pensione ci andrà a 67 anni e avrà un un assegno da 1.400 euro. Che, a causa dell’inflazione, avranno un valore molto inferiore rispetto a oggi. Benvenuti nella generazione dei “Quota Zero”: quella che ha iniziato a lavorare nell’era della precarietà e della crisi, e che potrà andare in pensione non solo molto più tardi rispetto ai propri genitori – il che, come vedremo, per alcune categorie di lavoratori è inevitabile – ma soprattutto con assegni da fame. Precari oggi, da lavoratori, e precari anche domani, da pensionati…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Ti potrebbe interessare
Politica / “Vogliono tappare la bocca a Report”: parla Sigfrido Ranucci
Politica / “Caro TPI, sì è vero, sono un metallaro in pa-Pillon”: parla il senatore leghista
Politica / La politica è ormai latitante sulla mafia
Opinioni / Non tagliamo le ali della Repubblica (di G. Bettini)
Politica / Firmato il Trattato del Quirinale tra Italia e Francia, Draghi: “Patto storico”
Politica / L’Economist incorona Giorgia Meloni: “Può diventare la prima premier donna in Italia”
Politica / Melicchio (M5S) a TPI: “Ringraziare i ricercatori precari a parole non ha senso se non vengono assunti dal Cnr”
Politica / La ministra Carfagna agli eventi di Forza Italia con gli aerei di Stato
Politica / Azzolina a TPI: “Una vita a combattere chi mi scredita, alla scuola devo tutto”
Politica / Le carte sull’inchiesta Open: il meglio tra chat, email e appunti dei renziani