Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 11:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Austria, una pubblicità di McDonald’s offende gli italiani. Ma Salvini attacca la Germania

Immagine di copertina

La gaffe del Ministro dell'Interno

Austria: la pubblicità di McDonald’s contro gli italiani. La gaffe di Salvini che attacca la Germania

Matteo Salvini attacca la Germania per una pubblicità di McDonald’s in cui si sfottono gli italiani, ma commette una gaffe: il Paese in questione, infatti, era l’Austria.

La gaffe è stata commessa su Facebook dal ministro dell’Interno nella giornata di domenica 21 luglio, anche se i manifesti incriminati sono cominciati a circolare in Austria agli inizi di luglio.

I cartelloni pubblicitari di McDonald’s, la nota catena di fast food statunitense, presentano il nuovo panino del ristorante, dal nome “Bella Italia”, con lo slogan “Für echte Mampfiosi”.

La scritta, di dubbio gusto, gioca con le parole “mafioso” e “mampfen”, che in tedesco significa “abbuffarsi”. La scritta, dunque, si potrebbe tradurre letteralmente con “solamente per i veri golosi”, ma ovviamente gioca con un’assonanza in cui si può intendere anche per “veri mafiosi”.

La pubblicità, che ha cominciato a fare ben presto il giro del web, è arrivata anche al leader della Lega, il quale ha commentato con un post: “Panino “Estate italiana” in Germania: “Per veri MAFIOSI” (gioco di parole con “mampfen” = sbafare…).  Italiani tutti mafiosi? Che tristezza… Abbiamo ritrovato orgoglio e dignità, indietro non si torna!”.

La reazione indignata del vicepremier ha innescato una serie di commenti contro la Germania e il popolo tedesco in generale, fino a che qualcuno, rimasto inascoltato, ha tentato di far notare che i manifesti di Mcdonald’s erano stati affissi in Austria e non in Germania.

Sono in molti, però, a credere che la gaffe in un certo senso sia voluta proprio per scatenare i follower del Capitano contro la Germania, paese della neo presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e dell’ex capitana della Sea Watch 3 Carola Rackete.

Intanto, dopo le proteste di diversi italiani, McDonald’s ha commentato la vicenda: “Ci dispiace che la nostra campagna per l’estate italiana non sia stata apprezzata, non volevamo offendere nessuno. La campagna non mira a discriminare o sminuire le altre nazioni in alcun modo, semmai dovrebbe evidenziare l’amore per l’Italia. Purtroppo sembra non aver funzionato, ci scusiamo di nuovo”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Pesaro, manifestazione no vax sotto casa del sindaco. "Spaventate la mia famiglia, squadristi"
Politica / Green pass e vaccini, la doppia faccia di Salvini: populista in piazza e in tv, ubbidiente nel governo
Politica / Altro che unità nazionale: dalla giustizia ai vaccini, maggioranza più spaccata che mai
Ti potrebbe interessare
Politica / Pesaro, manifestazione no vax sotto casa del sindaco. "Spaventate la mia famiglia, squadristi"
Politica / Green pass e vaccini, la doppia faccia di Salvini: populista in piazza e in tv, ubbidiente nel governo
Politica / Altro che unità nazionale: dalla giustizia ai vaccini, maggioranza più spaccata che mai
Politica / Mattarella: “Il vaccino è un dovere. La libertà è limitata dal virus, non dal Green Pass”
Politica / “Tra Nord e Sud differenze antropologiche”: rissa in tv tra Mastella e l’imprenditore lombardo
Politica / Malumore nel M5S per l’oltranzismo di Conte sulla giustizia, ma alla fine l’ex premier darà l’ok
Opinioni / L'ultima sparata di Pillon: sopravvivere attaccati a un macchinario è "naturale" (di G. Cavalli)
Politica / Green pass, consigliere della Lega a Firenze: "Cominciò così anche lo sterminio degli ebrei"
Politica / Salvini vede Draghi: “Ho espresso rammarico. Su di me parole ingenerose”
Politica / Renzi appoggia Letta alle suppletive di Siena: “Così la finiamo con la storia dello stai sereno”