Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Fondi Lega, “Quello che indaga lo abbiamo messo noi”: le rivelazioni del sottosegretario Durigon sui 49 miloni

Immagine di copertina

Fondi Lega, Durigon: “Quello che indaga lo abbiamo messo noi”

“Quello che fa le indagini sui fondi della Lega, lo abbiamo messo noi”: sono le dichiarazioni, catturate da una telecamera nascosta, del sottosegretario all’Economia del Carroccio, Claudio Durigon.

È una vera e propria rivelazione shock quella che fa il leghista, ignaro del fatto che le sue affermazioni siano registrate in un filmato, finito al centro di un’inchiesta condotta da Fanpage.

“I tre commercialisti? Tutte cazzate – rivela Durigon nel corso di un incontro con alcuni responsabili di alcune società di formazione in riferimento a Alberto Di Rubba, Andrea Manzoni e Michele Scillieri, i commercialisti vicini al Carroccio arrestati per l’inchiesta Film Commission – Lascia perdere, sono i giornali, fidati di me”.

Nell’inchiesta, inoltre, viene ricostruita tutta la carriera dell’attuale sottosegretario del governo Draghi. Prima di diventare deputato nel 2018, Durigon aveva ricoperto il ruolo di vicesegretario generale dell’Ugl. Secondo quanto scrive il quotidiano online, quando il Carroccio si è ritrovato in difficoltà economiche per via dei 49 milioni sequestrati, sarebbe stato proprio Durigon a mettere a disposizione del leader della Lega, Matteo Salvini, “uomini, sede e mezzi del sindacato Ugl”.

“Mi ricordo che ce l’ha presentato Salvini, dicendo che era una sorta di nuova leva che doveva aprire il partito al Sud. La sua scalata non si spiega con meriti acquisiti sul campo” dichiara un ex deputato e dirigente leghista al quotidiano.

Il rapporto tra l’Ugl e la Lega avrebbe aiutato il partito di Salvini a radicarsi nel Lazio, mentre alcuni dirigenti del sindacato avrebbero ottenuto incarichi nel Carroccio.

È il caso del sottosegretario all’Istruzione, Roberto Sasso, e di Francesco Zicchieri, coordinatore della Lega per il Sud Italia e deputato, che dall’Ugl avrebbe ricevuto un compenso di 4.786 euro per una collaborazione.

Leggi anche: 1. Fondi Lega, la Finanza piomba negli uffici della Lombardia Film Commission per acquisire documenti / 2. Lega, Salvini: “I 49 milioni? Spesi in manifesti elettorali e corrente elettrica” / 3. Salvini sui commercialisti della Lega arrestati: “Mi fido di loro, ne conosco due”

Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella sulla rissa in Parlamento: "Scena indecorosa"
Politica / Grillo su Conte: "Ha preso più voti Berlusconi da morto che lui da vivo"
Politica / Primo partito a Isernia, in calo in tutto il nord. Il ritratto di una Lega che ha cambiato volto
Ti potrebbe interessare
Politica / Mattarella sulla rissa in Parlamento: "Scena indecorosa"
Politica / Grillo su Conte: "Ha preso più voti Berlusconi da morto che lui da vivo"
Politica / Primo partito a Isernia, in calo in tutto il nord. Il ritratto di una Lega che ha cambiato volto
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio